Almanacco > Inediti
18 Novembre 2015

Alla colazione dell’innovazione culturale

Scarica l'inedito in PDF!

Per scaricare l’articolo in pdf bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.

Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter. Questa è la nostra informativa privacy

[recaptcha size:compact]

Esiste un rapporto assoluto tra una ballerina e lo specchio. L’immagine riflessa diviene esempio di perfezione e di errore: perfezione ed errore entrambi da superare perché quando il limite è se stessi allora i limiti non ci sono più.

Esercizio e costanza che dallo sguardo e solo passando attraverso lo sguardo arrivano al corpo, ai suoi movimenti, alla grazia che ne contraddistingue il volo. Assistere ad un balletto senza musica è probabilmente una delle esperienze più travolgenti di quell’intelligenza del suono fatta dal legno del palcoscenico battuto dai passi della ballerina e dalla relazione imprevista, ma del tutto conseguente della giacca dello spettatore che scivola e struscia sul velluto della seduta.

Una relazione inapparente che trova il suo legame nell’occhio: quello votato alla perfezione della ballerina e quello stupito e incantato dello spettatore. Entrambi gli sguardi nascono infatti da un movimento figlio di una pratica che come suo principale scopo ha quello di scaturire una relazione, generare uno scambio che sappia contenere la differenza e la diversità, lo scarto e l’ingenuità. L’applauso che cerco, diceva Rudolf Nureyev è il silenzio che mi lega al pubblico e che prende corpo poco prima del battere delle mani.

Il silenzio è lo spazio del cambiamento, in cui l’azione necessita dello sguardo per darsi forma e significato. Il silenzio quindi come forma sorgente del contenuto che si fa innovativo. L’innovazione culturale è infatti prima di ogni cosa, anche del suo stesso contenuto, pratica. Una pratica di relazione che poco c’entra con il lavoro culturale da sempre inquinato da paradigmi principalmente di sfruttamento e assoggettamento.

L’essenziale inutilità del lavoro culturale è stata raccontata con lucida ironia da Luciano Bianciardi anche se spesso se ne fraintende totalmente la critica legando il suo pensiero ad una sorta di morale culturale che poco c’entra con il discorso dello scrittore grossetano. Bianciardi individua nel lavoro culturale il virus di una negazione creativa che attraversa tutta la società riducendone gli spazi di cittadinanza. Una critica che però non sarà mai in grado di individuare una prospettiva d’uscita o di elaborare una proposta reale di cambiamento e ancor meno una possibilità di salvezza per lo stesso Bianciardi schiacciato da un sistema anafettivo di sfruttamento, pur avendone compreso le dinamiche.

È chiaro quindi che l’innovazione culturale debba setacciare strade altre, luoghi anomali ed eccentrici, recuperare disobbedienze e aprirsi anche alla diversità più acerba e impacciata. Fare in sostanza del proprio contesto una vera e propria metropoli.

La pratica deve lavorare generando una forma di contenuto abile alla relazione sfruttando così gli spazi stretti dell’inconsapevolezza o dell’errore come ricordava precisamente Gianni Rodari ne Il libro degli errori. È del pertugio che tutti sono curiosi, è nella calle nascosta di Venezia che si genera meraviglia ed è nel saper trasmettere la libertà dello spazio che l’innovazione culturale acquisisce la sua forma.

Ci sono ovviamente scrittori, filosofi, sociologi e teorici tout court dell’innovazione che questa pratica la raccontano e la scandagliano, ma è ad un autore del secolo scorso a cui vorrei fare riferimento, si tratta di Albert Camus. Algerino di nascita, francese di formazione ed estraneo alle ideologie per istinto o potremmo meglio dire per consapevolezza. Figlio di una terra negata, Albert Camus seppe costruire sulla propria diversità una visione culturale e politica innovativa che nasceva dal sentire naturale del proprio corpo fattosi carico delle contraddizioni di un tempo che poco concedeva alle terze vie.

L’innovazione culturale è la necessaria risposta all’imbrigliamento di un sistema culturale produttivo che non è più in grado di raccontare e descrivere come di illuminare e attivare un pubblico definendone l’opinione e la cittadinanza.

Si prende a riva quel che serve per andare in mare, sono pezzi male assortiti, tagliati o pensati spesso per altri scopi, ma sono comunque necessari all’innesto in una nuova relazione che oggi obbligatoriamente deve prendere spunto da altri mondi solo all’apparenza lontani. Mondi produttivi che hanno saputo innovare e generare desiderio agendo con raffinatezza, ma proponendo contenuti estremamente semplificati in quanto esclusivamente strumentali. L’innovazione culturale deve sapersi frapporre ritrovando politicamente il proprio pubblico perché ne va non solo dell’equilibrio di una società, ma del suo stato democratico e quindi del suo stesso senso di comunità. Stare insieme non per apposizione, ma in quanto attivi in un legame premiante ed efficacemente migliorativo.

“La nostra sola giustificazione, se ne abbiamo una, è di parlare in nome di tutti coloro che non possono farlo.” Scriveva Albert Camus; oggi che le giustificazioni sono finite è bene permettere a più persone possibili di parlare al posto nostro. Costruire un discorso inclusivo in cui l’uomo ritrovi aderenza col proprio tempo nella propria comunità. L’innovazione culturale rifuggendo da posizioni di comodo e anche da imposture immagina così una pratica che sia capace di questo, la immagina e la mette alla prova. Anche sapendo comunque di sbagliare ancora, e ogni volta ancora.


Immagine di copertina: ph. Pineapple Supply Co. da Unsplash

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

teatro, matera

Nessuno resti fuori. Teatro a Matera

1 Agosto 2017

Adriano a Cielo Aperto durante il burian

Un anno di classe disagiata. Una conversazione con Raffaele Alberto Ventura

18 Settembre 2018