Abbiamo bisogno di nuove istituzioni, non di nuova arte

Leggi l’articolo completo pubblicato su Hyperallergic.

Sono scettico sull’idea che gli artisti dovrebbero creare nuove opere per un’élite liberale che sembra essere aperta a storie “strazianti” di ingiustizia e un “edificante” immaginare un futuro migliore. Agli artisti è stato chiesto di farlo prima, e, dopo un breve periodo che Herbert Marcuse ha definito di “pubblicazione repressiva”, durante il quale dovremmo fornire risposte rapide e superficiali a questioni complesse che sostanzialmente finiscono le discussioni prima che inizino realmente, abbiamo incontrato reazioni di ogni tipo. Siamo stati definiti troppo semplicistici, troppo stridenti, non commerciabili, non rappresentativi, e anti-art – e poi siamo stati forzatamente scomparsi dal panorama del mondo dell’arte quando critici e curatori “scoprono” nuove tendenze e finanziatori stendere un altro ordine del giorno pressante.