1

Rivendicare spazio, perché non esiste l’oggetto perfetto

Leggi l’articolo completo pubblicato su Il Tascabile.

Nel saggio Small Things Considered Henry Petroski sostiene che l’oggetto perfetto non possa esistere, che ogni progetto è prima di tutto un processo a cui partecipano attori ed esigenze diverse. Dai libri, alle sedie, ai ponti, per quanto piccola o grande sia la scala, il compito del buon design è dunque mirare a un certo grado di funzionalità, a uno stato di perfezione temporanea. Se questo avviene per tentativi, il tempo serve a migliorare, a ripensare la forma delle cose che utilizziamo, degli spazi in cui viviamo, a individuarne i punti deboli, le richieste ignorate e quelle che si aggiungono. Sembra una dichiarazione scontata – che niente esiste in senso assoluto, che tutto può essere adeguato alle nuove esigenze – eppure, in mancanza di forme alternative, quel che non cambia viene percepito come standard, scontato, naturale.