Trump è stato bannato, chi sarà il prossimo?

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Atlantic. Clicca il pulsante in basso per leggere il testo completo.
È successo lentamente, e poi tutto in una volta. Dopo anni di combattimenti, i moderatori più potenti di internet hanno esaurito il loro troll più famoso: il presidente degli Stati Uniti. Facebook ha bloccato l’account di Donald Trump a tempo indeterminato. Così hanno Snapchat, Twitch, Shopify; anche uno dei provider di posta elettronica della campagna di Trump ha tagliato fuori. Al momento della scrittura, Trump ha ancora il suo canale Youtube, ma la società dice che sta accelerando la sua azione di applicazione. È stato un massacro del venerdì sera.

Ma un divieto supera tutti gli altri nel suo simbolismo: @realDonaldTrump è stato sospeso da Twitter, la piattaforma che ha definito questo presidente più di ogni altro.

La storia della scorsa settimana nella moderazione dei contenuti può essere raccontata in due modi. Il primo è il mito formalistico che le piattaforme vogliono farci credere. In questo racconto, le piattaforme hanno politiche e principi a cui sono conformi; le loro decisioni basate su di loro sono neutrali, valutazioni attentamente considerate delle regole e dei fatti. La seconda è la visione realista, in cui i post e i tweet dei dirigenti e dei portavoce della piattaforma possono essere visti come foglie di fico, cercando di nascondere che questi erano in fondo, decisioni arbitrarie e improvvisamente convenienti rese possibili da un panorama politico cambiato e nuovi imperativi commerciali.