La Scuola Open Source coglie l’occasione della presentazione di BAGLIORE, la biografia dei nuovi centri culturali d’Italia, edita da “Il Saggiatore” e cheFare, che ha visto coinvolti sei centri (Bagni Pubblici di Via Agliè di Torino; CLAC a Palermo; l’ex stabilimento enologico di ExFadda a San Vito dei Normanni; l’Ex Villaggio Eni di Borca di Cadore; le Officine Culturali di Catania e Pollinaria a Civitella Casanova) e sei scrittori e scrittrici (Federica Andreoni, Pierluigi Bizzini, Marco De Vidi, Giulia Gregnanin, Alessandro Monaci e Matteo Trevisani), per raccontare altre 4 nuove esperienze di percorsi inerenti a quelli trattati in BAGLIORE, per discutere insieme il ruolo di questi spazi sopratutto durante questo periodo di emergenza sanitaria.

9 dicembre, dalle 18:00

A cosa serve un nuovo centro culturale durante una pandemia? – La Scuola Open Source presenta BAGLIORE, la nostra biografia dei nuovi centri culturali in Italia

Videoconferenza online
La Scuola Open Source coglie l’occasione della presentazione di BAGLIORE, la biografia dei nuovi centri culturali d’Italia, edita da “Il Saggiatore” e cheFare, che ha visto coinvolti sei centri (Bagni Pubblici di Via Agliè di Torino; CLAC a Palermo; l’ex stabilimento enologico di ExFadda a San Vito dei Normanni; l’Ex Villaggio Eni di Borca di Cadore; le Officine Culturali di Catania e Pollinaria a Civitella Casanova) e sei scrittori e scrittrici (Federica Andreoni, Pierluigi Bizzini, Marco De Vidi, Giulia Gregnanin, Alessandro Monaci e Matteo Trevisani), per raccontare altre 4 nuove esperienze di percorsi inerenti a quelli trattati in BAGLIORE, per discutere insieme il ruolo di questi spazi sopratutto durante questo periodo di emergenza sanitaria.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Quindi, cheFare?

Iscriviti al corso

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Prospettive di rigenerazione urbana

14 Dicembre 2020
hub rigenerazione

La declinazione degli hub nella rigenerazione sociale

8 Novembre 2018
lavoro

Presto che è tardi! Lavoro e flessibilità

25 Gennaio 2017