Sabato 24 giugno 2023 Bertram Niessen, presidente di cheFare, prenderà parte al ciclo di incontri tematici di SUPERTRENTO, percorso partecipato per progettare assieme la superficie liberata dall’interramento dei binari tra lo Scalo Filzi e il Muse. Nei mesi di maggio e giugno, sono organizzati incontri aperti dedicati all’analisi dello stato attuale, alla mappatura dei progetti e delle aspettative, al confronto con altre esperienze.

Come cambierà la produzione culturale/creativa e di che spazi avrà bisogno? Quale ruolo avrà e che contributo potrà dare nella rigenerazione della città? Cultura e creatività saranno attività del tempo libero o un lavoro?

L’obiettivo di questa giornata, dedicata a welfare, cultura e creatività che avrà luogo presso la Sala Carrozzeria dell’Ex Deposito Atesina (Via Marconi, Trento) è quello di esplorare il tema della cultura come mezzo per rigenerare il patrimonio, favorirne la riappropriazione, stimolare la collaborazione tra diversi soggetti e incentivare lo sviluppo di un welfare culturale diffuso e vicino alle persone.

Il programma del 24 giugno: 

09:30 / 11:00 Informati
Condivisione dei risultati della prima fase del percorso

11:30 / 12:30 Immagina
Tendenze in atto e strategie per nuovi scenari con Bertram Niessen

14:30 / 15:30 Immagina
Pratiche, progetti e testimonianze da altri contesti con Francesco Mannino, Laura Caruso e Chiara Faggiolani

16:00 / 17:30 Partecipa
Dibattiti tematici con i relatori e le relatrici

 

SUPERTRENTO è un percorso di progettazione collaborativa che riconosce a chiunque partecipi ruoli e responsabilità. È un patto tra l’amministrazione e la comunità per informarsi sui cambiamenti in atto, immaginare la città che verrà e costruirne la visione.

L’interramento della ferrovia del Brennero, nel tratto che va dallo Scalo Filzi al Muse, offre alla città una occasione irripetibile di rigenerazione urbana. SUPERTRENTO è il percorso per immaginare con la cittadinanza la visione della città che verrà, un processo collettivo di lettura delle dinamiche urbane che intercetta i cambiamenti in atto per tradurli in strategie e scenari.

Gli incontri tematici di SUPERTRENTO perseguono principalmente tre obiettivi: informare e condividere lo stato di fatto ed i progetti in essere, confrontarsi con esperienze provenienti da altri contesti, co-costruire una mappatura comune delle aspettative. Sono organizzati con metodologie collaborative e orizzontali che favoriscono la partecipazione delle singole persone e al contempo delle organizzazioni più strutturate.

Vogliono costruire una comunità per affrontare domande complesse che hanno a che fare con l’evoluzione dei temi legati alla mobilità, all’abitare, al lavoro, al fare impresa, al benessere e alla fruizione e produzione culturale/creativa.

 

Foto di Marika Sartori su Unsplash

Sabato 24 giugno 2023

Bertram Niessen interviene a SUPERTRENTO

Sabato 24 giugno 2023 Bertram Niessen, presidente di cheFare, prenderà parte al ciclo di incontri tematici di SUPERTRENTO, percorso partecipato per progettare assieme la superficie liberata dall’interramento dei binari tra lo Scalo Filzi e il Muse. Nei mesi di maggio e giugno, sono organizzati incontri aperti dedicati all’analisi dello stato attuale, alla mappatura dei progetti e delle aspettative, al confronto con altre esperienze.

Come cambierà la produzione culturale/creativa e di che spazi avrà bisogno? Quale ruolo avrà e che contributo potrà dare nella rigenerazione della città? Cultura e creatività saranno attività del tempo libero o un lavoro?

L’obiettivo di questa giornata, dedicata a welfare, cultura e creatività che avrà luogo presso la Sala Carrozzeria dell’Ex Deposito Atesina (Via Marconi, Trento) è quello di esplorare il tema della cultura come mezzo per rigenerare il patrimonio, favorirne la riappropriazione, stimolare la collaborazione tra diversi soggetti e incentivare lo sviluppo di un welfare culturale diffuso e vicino alle persone.

Il programma del 24 giugno: 

09:30 / 11:00 Informati
Condivisione dei risultati della prima fase del percorso

11:30 / 12:30 Immagina
Tendenze in atto e strategie per nuovi scenari con Bertram Niessen

14:30 / 15:30 Immagina
Pratiche, progetti e testimonianze da altri contesti con Francesco Mannino, Laura Caruso e Chiara Faggiolani

16:00 / 17:30 Partecipa
Dibattiti tematici con i relatori e le relatrici

 

SUPERTRENTO è un percorso di progettazione collaborativa che riconosce a chiunque partecipi ruoli e responsabilità. È un patto tra l’amministrazione e la comunità per informarsi sui cambiamenti in atto, immaginare la città che verrà e costruirne la visione.

L’interramento della ferrovia del Brennero, nel tratto che va dallo Scalo Filzi al Muse, offre alla città una occasione irripetibile di rigenerazione urbana. SUPERTRENTO è il percorso per immaginare con la cittadinanza la visione della città che verrà, un processo collettivo di lettura delle dinamiche urbane che intercetta i cambiamenti in atto per tradurli in strategie e scenari.

Gli incontri tematici di SUPERTRENTO perseguono principalmente tre obiettivi: informare e condividere lo stato di fatto ed i progetti in essere, confrontarsi con esperienze provenienti da altri contesti, co-costruire una mappatura comune delle aspettative. Sono organizzati con metodologie collaborative e orizzontali che favoriscono la partecipazione delle singole persone e al contempo delle organizzazioni più strutturate.

Vogliono costruire una comunità per affrontare domande complesse che hanno a che fare con l’evoluzione dei temi legati alla mobilità, all’abitare, al lavoro, al fare impresa, al benessere e alla fruizione e produzione culturale/creativa.

 

Foto di Marika Sartori su Unsplash

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Scopri laGuida

Scopri il sito

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Regolamentare le locazioni turistiche è possibile, oltre che necessario

17 Novembre 2020

Partecipa al bando dell’ANCI per portare la cultura dell’emergenza climatica nelle città

15 Aprile 2021

L’algoritmo e la fine del pubblico. Eco-chamber, neo totemismo ed etica della funzione