Giovedì 1 settembre dalle 18.30 presso Careoff alla Fabbrica del Vapore (Via Giulio Cesare Procaccini, 4, 20154 Milano) “Cinque+”, un gioco, un’occasione di incontro, un progetto artistico di Claudio Beorchia per riattivare legami personali e relazionali.

Negli spazi di Careof una partita a carte insieme all’artista e al curatore: un appuntamento aperto a tutti per ritrovarsi dopo l’estate, attraverso un gioco che vede protagonisti temi, personaggi e stati d’animo legati alla pandemia, esorcizzando i timori per l’autunno che verrà. Parallelamente all’aspetto ludico e relazionale, “Cinque+” è già da ora uno strumento di lavoro, duttile e informale, a disposizione di educatori, insegnanti e formatori.

La realizzazione di “Cinque+” è avvenuta nell’ambito del progetto “Fuori Bordo” ed è stata preceduta da una fase in cui le ricercatrici e i ricercatori di Codici ricerca e intervento e di cheFare hanno intervistato persone responsabili e utenza di istituti scolastici, servizi socio-educativi, organizzazioni culturali e associazioni del volontariato solidale. L’obiettivo è stato capire come le relazioni comunitarie abbiano fatto da salvagente a processi di emarginazione svelati o accelerati dal distanziamento sociale e dal lockdown.

Il gioco è stato ideato e costruito dal curatore Matteo Balduzzi e dall’artista Claudio Beorchia a partire dagli esiti della ricerca e dalle attività svolte in numerosi laboratori realizzati nel territorio del Municipio 5 e di Rozzano tra ottobre 2021 e marzo 2022.

Durante l’evento è possibile visitare la mostra di fotografie di Hugo Weber, una documentazione d’autore di tutto il percorso di creazione del gioco.

Giovedì 1 settembre, dalle ore 18.30

Cinque+ un progetto artistico di Claudio Beorchia

Giovedì 1 settembre dalle 18.30 presso Careoff alla Fabbrica del Vapore (Via Giulio Cesare Procaccini, 4, 20154 Milano) “Cinque+”, un gioco, un’occasione di incontro, un progetto artistico di Claudio Beorchia per riattivare legami personali e relazionali.

Negli spazi di Careof una partita a carte insieme all’artista e al curatore: un appuntamento aperto a tutti per ritrovarsi dopo l’estate, attraverso un gioco che vede protagonisti temi, personaggi e stati d’animo legati alla pandemia, esorcizzando i timori per l’autunno che verrà. Parallelamente all’aspetto ludico e relazionale, “Cinque+” è già da ora uno strumento di lavoro, duttile e informale, a disposizione di educatori, insegnanti e formatori.

La realizzazione di “Cinque+” è avvenuta nell’ambito del progetto “Fuori Bordo” ed è stata preceduta da una fase in cui le ricercatrici e i ricercatori di Codici ricerca e intervento e di cheFare hanno intervistato persone responsabili e utenza di istituti scolastici, servizi socio-educativi, organizzazioni culturali e associazioni del volontariato solidale. L’obiettivo è stato capire come le relazioni comunitarie abbiano fatto da salvagente a processi di emarginazione svelati o accelerati dal distanziamento sociale e dal lockdown.

Il gioco è stato ideato e costruito dal curatore Matteo Balduzzi e dall’artista Claudio Beorchia a partire dagli esiti della ricerca e dalle attività svolte in numerosi laboratori realizzati nel territorio del Municipio 5 e di Rozzano tra ottobre 2021 e marzo 2022.

Durante l’evento è possibile visitare la mostra di fotografie di Hugo Weber, una documentazione d’autore di tutto il percorso di creazione del gioco.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Quindi, cheFare?

Iscriviti al corso

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Fuori Bordo, cosa succede quando l’emergenza spinge fuori dalla società?

24 Giugno 2022

Fuori Bordo e tutti i sinonimi di comunità. Il terzo laboratorio ospitato da Ritrovo 15

13 Giugno 2022

Fuori Bordo è un progetto che ha dovuto mutare forme e obiettivi, proprio come la biblioteca Cascina Grande di Rozzano

3 Giugno 2022