Negli ultimi anni, a partire da quello spartiacque rappresentato dal superamento del secolo e con la conseguente accelerazione degli anni dieci, il dibattito culturale si è definitivamente spostato grazie anche all’avvento prepotente dei social dalla carta alla rete. La crisi della politica nelle sue strutture e nelle forme conosciute nel Novecento e quella delle riviste ormai ridotte al lumicino e decisamente periferiche o di carattere specialistico hanno portato alla nascita dei blog culturali nelle loro forme più varie e ancora inedite. Certamente la forza culturale della carta non si è estinta ed è ben lungi dal rischiarne la scomparsa, ma è evidente come le voci nuove e i temi più innovativi attraversino oggi prima la rete e solo in seconda battuti quelli che per per almeno due secoli sono stati i luoghi canonici del confronto.

La Casa della Cultura con cheFare ha così deciso di organizzare una serie di quattro incontri in cui portare attorno ad un tavolo i principali protagonisti del dibattito culturale italiano oggi in rete: Nazione Indiana, Lavoro Culturale, Doppiozero e Le parole e le cose sono tra i blog culturali collettivi più famosi e seguiti, con loro si confronteranno anche i rappresentanti di altre realtà culturali online da Rivista Studio a Gli Stati Generali fino a battitori liberi capaci di influenzare il dibattito grazie alla loro capacità di penetrazione in rete, veri e propri influencer culturali come Federico Novaro, Claudia Vago, eFFe e Flavio Pintarelli.

Gli incontri tenteranno ognuno di indagare in profondità le peculiarità di una produzione culturale che si basa attraverso una continua sperimentazione nei contenuti come nelle forme e in un stretto e attivo confronto coni propri lettori. Cosa significa quindi fare cultura in rete e come la si condivide attivando lettori e pubblici attraverso uno scambio proficuo e reciproco. Come si costruisce una rivista e quale politica culturale è possibile perseguire nello spazio infinito della rete che è però al contempo potenzialmente fortemente controllato da grossi gruppi in grado di gestire e veicolare l’opinione pubblica.

Quattro incontri che hanno l’obiettivo di aprire un confronto aperto e franco sugli spazi possibili e sulla responsabilità stessa di un’azione culturale che oggi in Italia deve far fronte ad un drammatico conflitto generazionale, ad un attacco diretto ai diritti di cittadinanza e che vede nella scuola, nel lavoro, nella salute e nei diritti dei migranti i punti nodali di un dibattito ineludibile.
(Giacomo Giossi)

  • martedì 13 ottobre 21.00

Fare cultura in rete: cosa cambia?eFFe (Blogger)
Anna Momigliano (Rivista Studio)
Antonio Sgobba (IL – magazine mensile del Sole 24 ore)
Modera: Giacomo Giossi (cheFare)

  • martedì 27 ottobre ore 21.00

Social network: comunicare la cultura
Stefano Jugo (Einaudi)
Flavio Pintarelli (Lavoro culturale)
Claudia Vago
Modera: Marco Liberatore (cheFare)

  • martedì 10 novembre ore 21.00

La rivista si fa in rete
Silvia Jop (Lavoro Culturale)
Giorgio Mascitelli (Nazione Indiana)
Roberto Gilodi (Doppiozero)
Federico Novaro
Modera: Jacopo Tondelli (Gli Stati Generali)

  • martedì 24 novembre ore 21.00

Politica culturale al tempo della rete

Isabella Mattazzi (Le parole e le cose)
Gianluigi Ricuperati (Domus Academy)
Ivan Carozzi (Linus)

cultura in rete

dal 13 Ottobre 2015

Come cambia la cultura in rete

Negli ultimi anni, a partire da quello spartiacque rappresentato dal superamento del secolo e con la conseguente accelerazione degli anni dieci, il dibattito culturale si è definitivamente spostato grazie anche all’avvento prepotente dei social dalla carta alla rete. La crisi della politica nelle sue strutture e nelle forme conosciute nel Novecento e quella delle riviste ormai ridotte al lumicino e decisamente periferiche o di carattere specialistico hanno portato alla nascita dei blog culturali nelle loro forme più varie e ancora inedite. Certamente la forza culturale della carta non si è estinta ed è ben lungi dal rischiarne la scomparsa, ma è evidente come le voci nuove e i temi più innovativi attraversino oggi prima la rete e solo in seconda battuti quelli che per per almeno due secoli sono stati i luoghi canonici del confronto.

La Casa della Cultura con cheFare ha così deciso di organizzare una serie di quattro incontri in cui portare attorno ad un tavolo i principali protagonisti del dibattito culturale italiano oggi in rete: Nazione Indiana, Lavoro Culturale, Doppiozero e Le parole e le cose sono tra i blog culturali collettivi più famosi e seguiti, con loro si confronteranno anche i rappresentanti di altre realtà culturali online da Rivista Studio a Gli Stati Generali fino a battitori liberi capaci di influenzare il dibattito grazie alla loro capacità di penetrazione in rete, veri e propri influencer culturali come Federico Novaro, Claudia Vago, eFFe e Flavio Pintarelli.

Gli incontri tenteranno ognuno di indagare in profondità le peculiarità di una produzione culturale che si basa attraverso una continua sperimentazione nei contenuti come nelle forme e in un stretto e attivo confronto coni propri lettori. Cosa significa quindi fare cultura in rete e come la si condivide attivando lettori e pubblici attraverso uno scambio proficuo e reciproco. Come si costruisce una rivista e quale politica culturale è possibile perseguire nello spazio infinito della rete che è però al contempo potenzialmente fortemente controllato da grossi gruppi in grado di gestire e veicolare l’opinione pubblica.

Quattro incontri che hanno l’obiettivo di aprire un confronto aperto e franco sugli spazi possibili e sulla responsabilità stessa di un’azione culturale che oggi in Italia deve far fronte ad un drammatico conflitto generazionale, ad un attacco diretto ai diritti di cittadinanza e che vede nella scuola, nel lavoro, nella salute e nei diritti dei migranti i punti nodali di un dibattito ineludibile.
(Giacomo Giossi)

  • martedì 13 ottobre 21.00

Fare cultura in rete: cosa cambia?eFFe (Blogger)
Anna Momigliano (Rivista Studio)
Antonio Sgobba (IL – magazine mensile del Sole 24 ore)
Modera: Giacomo Giossi (cheFare)

  • martedì 27 ottobre ore 21.00

Social network: comunicare la cultura
Stefano Jugo (Einaudi)
Flavio Pintarelli (Lavoro culturale)
Claudia Vago
Modera: Marco Liberatore (cheFare)

  • martedì 10 novembre ore 21.00

La rivista si fa in rete
Silvia Jop (Lavoro Culturale)
Giorgio Mascitelli (Nazione Indiana)
Roberto Gilodi (Doppiozero)
Federico Novaro
Modera: Jacopo Tondelli (Gli Stati Generali)

  • martedì 24 novembre ore 21.00

Politica culturale al tempo della rete

Isabella Mattazzi (Le parole e le cose)
Gianluigi Ricuperati (Domus Academy)
Ivan Carozzi (Linus)

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

11 proposte per i nuovi centri culturali

Leggi l'approfondimento

Potrebbero interessarti anche questi articoli

La Fase 3 è quella dei fantasmi, la creatività prevarrà sulla rabbia?

23 Maggio 2020
ctrl

Il viaggio in Italia come spaesamento

14 Giugno 2018

Abbiamo bisogno dell’arte per turbare l’immagine armoniosa del capitalismo

31 Maggio 2019