Giovedì 15 dicembre cheFare partecipa al convegno Comunità Accoglienti nell’ambito del progetto IEA! Inclusione, Emancipazione, Agency per combattere le disuguaglianze.

Il Cnca (Coordinamento nazionale comunità di accoglienza) ha organizzato a Milano un momento di riflessione sul tema delle comunità accoglienti. L’iniziativa si colloca all’interno delle attività del Progetto IEA! Inclusione, emancipazione, agency per combattere le disuguaglianze (finanziato dal Ministero del lavoro e politiche sociali con il Fondo per il terzo settore), che intende intervenire sul problema delle crescenti disuguaglianze che affliggono in particolare le fasce più vulnerabili della popolazione, consolidando il ruolo di agenti di prossimità delle organizzazioni del terzo settore.

Le attività di progetto hanno l’intento di favorire l’emancipazione e l’empowerment delle persone in difficoltà, promuovendo l’acquisizione di strumenti in grado di aumentare il loro benessere, libertà, senso di autoefficacia, riducendo in modo significativo lo squilibrio di potere fra chi lo possiede e chi no, e l’agency, intesa come facoltà di far accadere le cose intervenendo sulla realtà, sperimentando l’esercizio di un potere causale.

Fra le attività di progetto le organizzazioni del Cnca hanno individuato nel tema dell’abitare, abitazioni e territori, uno dei fulcri della riflessione ed intervento nel campo sociale. Per questo, durante i lavori del 15 dicembre è prevista una tavola rotonda dedicata al tema dell’Abitare a cui per cheFare interverrà Valeria Verdolini.

L’evento inizierà alle 16.30 e coinvolgerà Chiara Cacciotti (ricercatrice Università di Torino), Stefano Trovato e Carlo De Angelis referenti per il tema per il Cnca.

L’appuntamento si rivolge a operatori sociali e volontari impegnati in un momento di confronto e riflessione ad ampio respiro; è aperto a tutti quelli che coltivano l’idea di costruire percorsi che possano generare lessici e relazioni in grado di interrogare percorsi e sfide, in atto localmente e nei contesti più ampi.

Image by rawpixel.com on Freepik

Giovedì 15 dicembre

“Comunità Accoglienti” per combattere le disuguaglianze

Giovedì 15 dicembre cheFare partecipa al convegno Comunità Accoglienti nell’ambito del progetto IEA! Inclusione, Emancipazione, Agency per combattere le disuguaglianze.

Il Cnca (Coordinamento nazionale comunità di accoglienza) ha organizzato a Milano un momento di riflessione sul tema delle comunità accoglienti. L’iniziativa si colloca all’interno delle attività del Progetto IEA! Inclusione, emancipazione, agency per combattere le disuguaglianze (finanziato dal Ministero del lavoro e politiche sociali con il Fondo per il terzo settore), che intende intervenire sul problema delle crescenti disuguaglianze che affliggono in particolare le fasce più vulnerabili della popolazione, consolidando il ruolo di agenti di prossimità delle organizzazioni del terzo settore.

Le attività di progetto hanno l’intento di favorire l’emancipazione e l’empowerment delle persone in difficoltà, promuovendo l’acquisizione di strumenti in grado di aumentare il loro benessere, libertà, senso di autoefficacia, riducendo in modo significativo lo squilibrio di potere fra chi lo possiede e chi no, e l’agency, intesa come facoltà di far accadere le cose intervenendo sulla realtà, sperimentando l’esercizio di un potere causale.

Fra le attività di progetto le organizzazioni del Cnca hanno individuato nel tema dell’abitare, abitazioni e territori, uno dei fulcri della riflessione ed intervento nel campo sociale. Per questo, durante i lavori del 15 dicembre è prevista una tavola rotonda dedicata al tema dell’Abitare a cui per cheFare interverrà Valeria Verdolini.

L’evento inizierà alle 16.30 e coinvolgerà Chiara Cacciotti (ricercatrice Università di Torino), Stefano Trovato e Carlo De Angelis referenti per il tema per il Cnca.

L’appuntamento si rivolge a operatori sociali e volontari impegnati in un momento di confronto e riflessione ad ampio respiro; è aperto a tutti quelli che coltivano l’idea di costruire percorsi che possano generare lessici e relazioni in grado di interrogare percorsi e sfide, in atto localmente e nei contesti più ampi.

Image by rawpixel.com on Freepik

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Cos’è cheFare?

Scopri i nostri progetti

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Da 3 anni, la V-A-C Foundation crea spazi per la progettazione culturali a Venezia

3 Settembre 2020

L’uomo che cammina: pedinare Antonio Moresco a Milano

15 Aprile 2019

Il multiverso generazionale di Carlo Mazza Galanti

1 Dicembre 2020