Venerdì 7 ottobre alle ore 10,00 cheFare interviene online all’incontro Conoscenza, progetto, governance: tra analogico e digitale. Metodi e strumenti innovativi per rigenerare le fragilità territoriali.

L’evento rappresenta un momento di riflessione, dialogo e confronto su alcune sperimentazioni e ricerche contemporanee legate alla rigenerazione urbana sostenibile e al rinnovamento degli strumenti cognitivi per la pianificazione urbanistica, la messa in
sicurezza del patrimonio culturale e la riconfigurazione dello spazio outdoor/indoor secondo il principio del “ricostruire meglio” (Building Back Better).

In quest’ottica, e alla luce delle questioni emergenti che investono le nostre città, dall’adattamento agli impatti clima-alterati alla perdita di biodiversità, dalla crisi socio-sanitaria alla crescente richiesta di protagonismo delle comunità locali, l’evento affronta trasversalmente alcune di queste tematiche proponendo riflessioni e contributi di ricerca interdisciplinari che indagano la complessità del “fare rigenerazione urbana”, in risposta al crescente bisogno di città più vivibili, sicure, verdi e
accessibili.

Bertram Niessen di cheFare interviene su La nuova progettazione culturale tra saperi esperti e territori nella Sessione III Comunità attive e governance multi-attore: l’innovazione nei processi partecipativi.

L’evento si tiene alla Scuola di Ateneo Architettura e Design – SAAD | Università di Camerino, UNICAM nella sede dell’Annunziata, viale della Rimembranza n.9 – Ascoli Piceno.

È possibile seguire l’evento online a questo link.

 

Venerdì 7 ottobre

Conoscenza Progetto Governance: tra analogico e digitale

Venerdì 7 ottobre alle ore 10,00 cheFare interviene online all’incontro Conoscenza, progetto, governance: tra analogico e digitale. Metodi e strumenti innovativi per rigenerare le fragilità territoriali.

L’evento rappresenta un momento di riflessione, dialogo e confronto su alcune sperimentazioni e ricerche contemporanee legate alla rigenerazione urbana sostenibile e al rinnovamento degli strumenti cognitivi per la pianificazione urbanistica, la messa in
sicurezza del patrimonio culturale e la riconfigurazione dello spazio outdoor/indoor secondo il principio del “ricostruire meglio” (Building Back Better).

In quest’ottica, e alla luce delle questioni emergenti che investono le nostre città, dall’adattamento agli impatti clima-alterati alla perdita di biodiversità, dalla crisi socio-sanitaria alla crescente richiesta di protagonismo delle comunità locali, l’evento affronta trasversalmente alcune di queste tematiche proponendo riflessioni e contributi di ricerca interdisciplinari che indagano la complessità del “fare rigenerazione urbana”, in risposta al crescente bisogno di città più vivibili, sicure, verdi e
accessibili.

Bertram Niessen di cheFare interviene su La nuova progettazione culturale tra saperi esperti e territori nella Sessione III Comunità attive e governance multi-attore: l’innovazione nei processi partecipativi.

L’evento si tiene alla Scuola di Ateneo Architettura e Design – SAAD | Università di Camerino, UNICAM nella sede dell’Annunziata, viale della Rimembranza n.9 – Ascoli Piceno.

È possibile seguire l’evento online a questo link.

 

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Cos’è cheFare?

Scopri i nostri progetti

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Abbiamo bisogno dell’arte per turbare l’immagine armoniosa del capitalismo

31 Maggio 2019
paduli

Parco dei Paduli, la dimensione collettiva di un patrimonio

5 Giugno 2015
L'alleanza dei corpi, Judith Butler

Il tempo ‘irrimediabilmente compromesso’ dei corpi di Judith Butler

24 Maggio 2017