“Che Innovazione Sociale: la prospettiva che cambia” è il nuovo evento organizzato da Hub/Spoke, in collaborazione con lUniversità degli Studi di Milano, P2P VALUE, Avanzi Sostenibilità per Azioni, Sardegna Ricerche, Che Fare, Helpy Life e Phareco.

Giovedì 15 Dicembre dalle ore 18:00 si parlerà di innovazione sociale, una tematica di cui si discute già da tempo a livello nazionale, e che sta iniziando a conquistare la scena a livello regionale.

Un tentativo di aggregazione: la nascita di cheFare sarà l’intervento di apertura di Bertram Niessen, che racconterà come è nato cheFare e presenterà anche La cultura in trasformazione. L’innovazione e i suoi processi (minimum fax), il libro curato da cheFare, nato dopo i primi 4 anni di lavoro insieme alle realtà più interessanti dell’innovazione sociale e culturale sul territorio italiano.
Il libro raccoglie saggi di Alessandro Bollo, Roberto Casati, Paola Dubini, Vincenzo Latronico, Gianfranco Marrone, Ivana Pais, Christian Raimo e Jacopo Tondelli che guardano da prospettive differenti alle trasformazioni in corso nei mondi della cultura, con un’introduzione di Marco Liberatore e Bertram Niessen.

Il valore delle relazioni P2P sarà affrontato da Alberto Cossu dell’Università degli Studi di Milano.

L’innovazione e il mercato: come le startup sociali interpreteno l’economia  sarà l’intervento di Matteo Bartolomeo – Avanzi / Make a Cube3   

Martina Littera di Sardegna Ricerche parlerà de L’innovazione sociale come opportunità di sviluppo imprenditoriale

Parola a chiFa  sarà l’intervento finale, condotto da HelpyLife e PhaReCo

L’obiettivo dell’intero incontro è quello di mettere in risalto le caratteristiche e le potenzialità dell’innovazione sociale con alcuni dei principali protagonisti della scena nazionale, e capire come può aiutare le imprese a soddisfare in maniera profittevole nuovi bisogni.

Per conoscere il programma e registrarsi all’evento cliccate qui

che innovazione sociale

Giovedì 15 dicembre 2016

Che Innovazione sociale – Cagliari

“Che Innovazione Sociale: la prospettiva che cambia” è il nuovo evento organizzato da Hub/Spoke, in collaborazione con lUniversità degli Studi di Milano, P2P VALUE, Avanzi Sostenibilità per Azioni, Sardegna Ricerche, Che Fare, Helpy Life e Phareco.

Giovedì 15 Dicembre dalle ore 18:00 si parlerà di innovazione sociale, una tematica di cui si discute già da tempo a livello nazionale, e che sta iniziando a conquistare la scena a livello regionale.

Un tentativo di aggregazione: la nascita di cheFare sarà l’intervento di apertura di Bertram Niessen, che racconterà come è nato cheFare e presenterà anche La cultura in trasformazione. L’innovazione e i suoi processi (minimum fax), il libro curato da cheFare, nato dopo i primi 4 anni di lavoro insieme alle realtà più interessanti dell’innovazione sociale e culturale sul territorio italiano.
Il libro raccoglie saggi di Alessandro Bollo, Roberto Casati, Paola Dubini, Vincenzo Latronico, Gianfranco Marrone, Ivana Pais, Christian Raimo e Jacopo Tondelli che guardano da prospettive differenti alle trasformazioni in corso nei mondi della cultura, con un’introduzione di Marco Liberatore e Bertram Niessen.

Il valore delle relazioni P2P sarà affrontato da Alberto Cossu dell’Università degli Studi di Milano.

L’innovazione e il mercato: come le startup sociali interpreteno l’economia  sarà l’intervento di Matteo Bartolomeo – Avanzi / Make a Cube3   

Martina Littera di Sardegna Ricerche parlerà de L’innovazione sociale come opportunità di sviluppo imprenditoriale

Parola a chiFa  sarà l’intervento finale, condotto da HelpyLife e PhaReCo

L’obiettivo dell’intero incontro è quello di mettere in risalto le caratteristiche e le potenzialità dell’innovazione sociale con alcuni dei principali protagonisti della scena nazionale, e capire come può aiutare le imprese a soddisfare in maniera profittevole nuovi bisogni.

Per conoscere il programma e registrarsi all’evento cliccate qui

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

comunità

Comunità come “fenomenologia” territoriale

25 Febbraio 2016
lavorare

Lavorare meno per studiare tutti

divertirsi, freelancer

Vietato divertirsi: vita di un freelancer cognitivo

20 Giugno 2017