Lucrezia Cippitelli  interviene venerdì 25 maggio dalle 20 all’incontro Performing Publicness organizzato da Milano Arch Week 2018 – URBANIA e curato da Small.

#PerformingPublicness è un progetto di ricerca sullo spazio pubblico contemporaneo che parte dall’osservazione della relazione ambivalente tra la dimensione “performativa” dell’arte pubblica e, in generale, della vita pubblica urbana, e la necessità che il progetto/design dello spazio pubblico proponga al contempo nuove visioni “performanti” che si evolvano insieme alle trasformazioni culturali connesse a dinamiche tecno-sociali ed ecologiche che incidono sulla vita urbana, costruendo in essi nuovi protocolli di diritto, di accesso e di partecipazione.

Durante la Milano Arch Week 2018, #PerformingPublicness prende la forma di una conversazione che mette a confronto intellettuali, amministratori, artisti e progettisti che si occupano dello spazio pubblico – anche tangenzialmente – nella veste di osservatori e interpreti, per avviare un dibattito verso la costruzione di uno “stato di diritto” dello spazio urbano contemporaneo al di là dello statuto di proprietà.

Sul palco i progetti di:
Simone Capra / stARTT – studio di architettura e trasformazioni territoriali
Federica Verona / Il festival delle periferie a Milano
Lucrezia Cippitelli / CheFare
Edoardo Suraci / Altrove
Discutono:
Demetrio Scopelliti / Comune di Milano
Leonardo Caffo / NABA Nuova Accademia di Belle Arti
Modera:
Rossella Ferorelli / small

 

Venerdì 25 maggio 2018 h. 20.00

Milano Arch Week: Lucrezia Cippitelli – Performing Publicness

La Triennale di Milano
Viale Alemagna, 6
Milano

Lucrezia Cippitelli  interviene venerdì 25 maggio dalle 20 all’incontro Performing Publicness organizzato da Milano Arch Week 2018 – URBANIA e curato da Small.

#PerformingPublicness è un progetto di ricerca sullo spazio pubblico contemporaneo che parte dall’osservazione della relazione ambivalente tra la dimensione “performativa” dell’arte pubblica e, in generale, della vita pubblica urbana, e la necessità che il progetto/design dello spazio pubblico proponga al contempo nuove visioni “performanti” che si evolvano insieme alle trasformazioni culturali connesse a dinamiche tecno-sociali ed ecologiche che incidono sulla vita urbana, costruendo in essi nuovi protocolli di diritto, di accesso e di partecipazione.

Durante la Milano Arch Week 2018, #PerformingPublicness prende la forma di una conversazione che mette a confronto intellettuali, amministratori, artisti e progettisti che si occupano dello spazio pubblico – anche tangenzialmente – nella veste di osservatori e interpreti, per avviare un dibattito verso la costruzione di uno “stato di diritto” dello spazio urbano contemporaneo al di là dello statuto di proprietà.

Sul palco i progetti di:
Simone Capra / stARTT – studio di architettura e trasformazioni territoriali
Federica Verona / Il festival delle periferie a Milano
Lucrezia Cippitelli / CheFare
Edoardo Suraci / Altrove
Discutono:
Demetrio Scopelliti / Comune di Milano
Leonardo Caffo / NABA Nuova Accademia di Belle Arti
Modera:
Rossella Ferorelli / small

 

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Iconologie del tatuaggio: scritture del corpo e oscillazioni identitarie

8 Ottobre 2019
l'università

Come sta l’università italiana?

21 Febbraio 2017
Richard Grusin, #occupywallstreet

Premediare il cambiamento: il caso #occupywallstreet

1 Giugno 2017