nube di parole open data voce

Martedì 13 novembre

Nube di parole – Open Data: la voce enciclopedica nata dalla scrittura partecipata. Presentazione da WeMake

WeMake
Via Stefanardo da Vimercate, 27/5
Milano

Nel settore culturale i nomi delle professioni, delle pratiche, perfino degli spazi di lavoro sono spesso usati in modo incerto. Questa incertezza è terreno fertile per alcune cattive abitudini: dallo sfruttamento del lavoro sotto la patina di un job title altisonante al confezionamento di progetti virtuosi solo sulla carta. Chiarire il significato delle parole è un modo per dare dignità ai lavoratori e ai mestieri, alle loro pratiche e ai loro spazi.

Ecco perché noi di cheFare, insieme a WeMakeCentro Studi del Presente e Polo del ‘900, abbiamo ideato Nube di parole: un progetto nato per fare chiarezza su alcune parole del lavoro culturale di oggi attraverso un processo di scrittura partecipata di 4 nuove voci enciclopediche.

La prima voce è Open Data e sarà presentata martedì 13 novembre 2018 alle 18.30 da WeMake

Se conosci il significato di ‘Open Data’ partecipa alla co-scrittura: clicca qui.

INTERVENGONO
Francesca De Chiara
Claudio Paolucci
Walter Vannini

Moderazione a cura di CheFare e WeMake

Nube di parole è realizzato con il sostegno di Compagnia di San Paolo

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

sostenibilità

Sostenibilità: una parola sciamanica

14 novembre 2018
parole

Nube di parole, ridefinire la pratica culturale con la co-scrittura

9 ottobre 2018
emoticon, linguaggio

Emoticon e slang. Il linguaggio si fa minimal, le emozioni e i sentimenti small

6 giugno 2018