19 settembre 2018 dalle ore 10.30

Ritrovare la fiducia nell’innovazione culturale insieme a Vivaio Sud

Grand Hotel Salerno — Lungomare Clemente Tafuri, 1, Salerno

Vivaio Sud è una rete informale di associazioni, cooperative, imprese sociali, progettisti che operano in ambito culturale e sociale, prevalentemente nelle regioni del Mezzogiorno, che si danno appuntamento ogni anno per confrontarsi su temi “sensibili”, per imbastire rapporti, relazioni, collegamenti, scambiarsi esperienze. Il titolo di questa edizione è “Fiducia nell’innovazione sociale e culturale. Fiducia nel terzo settore”.

Un titolo che è anche un appello. I lavori (che hanno inizio alle 10.30 e di norma terminano alle ore 17.30/18.00) sono organizzati in due sessioni: al mattino si ascoltano gli interventi (15 minuti) di alcuni esperti sui temi posti al centro del meeting.

Nella seconda sessione si presentano alcune esperienze, mettendo a tema le problematiche con cui si sono confrontati i partecipanti nel corso dell’anno, con particolare riferimento alle questioni presentate nella prima sessione.

Per affrontare alcuni dei temi richiamati sono stati invitati: Sergio De Felice, Presidente di Sezione del Consiglio di Stato, Michele Corradino, Consigliere dell’ANAC, Luca Gori, giurista della Scuola Sant’Anna di Pisa, Carlo Borgomeo, Presidente della Fondazione con il Sud, amministratori locali come Roberto Covolo, Assessore a Brindisi, economisti come Ludovico Solima e Stefano Consiglio, esperti come Marco D’Isanto, Renato Quaglia e Agostino Riitano, Bertram Niessen di cheFare, partner di Vivaio Sud.

Per partecipare a Vivaio Sud, inviare una mail a m90@mecenate90.it.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

community manager

Chi sono i Community Manager? Dalle competenze alle pratiche

bando cheFare

150.000 euro per la cultura. Torna il bando cheFare, e si fa in tre

14 Maggio 2015
incontri, autori

Una modesta proposta perché gli incontri letterari siano utili alla comunità e non di peso per il Paese

4 Settembre 2019