Jean Baudrillard

Jean Baudrillard (Reims, 27 luglio 1929 – Parigi, 6 marzo 2007) è stato un sociologo, filosofo, politologo, accademico e saggista francese di formazione tedesca.

Critico e teorico della postmodernità e la società simulacro, viene spesso accostato a Gilbert Durand, Edgar Morin e Michel Maffesoli. È pure vicino a Roland Barthes e influenzato da Marshall McLuhan. Fu uno dei fondatori della rivista Utopie (1967/1980), insegnante all’Università di Parigi X Nanterre e direttore scientifico all’Università di Parigi IX Dauphine (1986/1990).

La sua filosofia, fondata sulla critica del pensiero scientifico tradizionale e sul concetto di virtualità del mondo apparente, l’ha portato a diventare satrapo del Collegio dei patafisici nel 2001. È stato membro dell’istituto di ricerca sull’innovazione sociale al Centro nazionale della ricerca scientifica, ha insegnato presso la European Graduate School in Svizzera e ha scritto molti articoli e critiche per la stampa. Egli mostrò come le tendenze sociologiche contemporanee, come ad esempio le commemorazioni, le donazioni di massa per le vittime dello tsunami e altri eccessi, non siano altro che i mezzi osceni dell’estensione totalitaria del Bene finalizzata ad ottenere una coesione sociale.

Pubblicati da Jean Baudrillard

All’ombra delle maggioranze silenziose, le masse secondo Jean Baudrillard

18 Gennaio 2019

Altri contenuti in arrivo...

Fine dei contenuti

Ops!