Ci vestiamo forse un po’ meglio, parliamo parecchie lingue, sappiamo analizzare cinicamente le vetrine kitsch delle gallerie commerciali e dei negozi di grandi firme vicini a San Marco, ma ci aggiriamo ugualmente come alieni che non hanno alcuna relazione con lo spazio urbano che ci circonda e con i suoi abitanti.

Biennale di Venezia: cultura e futura umanità