Almanacco > Inediti
6 Ottobre 2015

Bligny 42 è famosa per i fatti di cronaca e non è un mistero per nessuno che sia uno dei luoghi più dediti allo spaccio. Ma da qualche tempo una serie di attività hanno iniziato a ridefinire il sistema sociale di vicinato. Iniziative nate dal basso e fortemente volute dai nuovi proprietari.

Bligny 42: la periferia è in centro

Scarica l'inedito in PDF!

Per scaricare l’articolo in pdf bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.

Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter. Questa è la nostra informativa privacy

[recaptcha size:compact]

A  metà tra il moderno edificio progettato da Grafton Architects per ospitare l’Università Bocconi e la zona di Porta Romana, dove le case costano anche 5000 euro al metro, c’è il cortile di Viale Bligny 42. Circa 200 appartamenti, quattro scale, cinque piani.

Ci abitano tunisini, peruviani, italiani, marocchini, egiziani, brasiliani, filippini, cinesi e cingalesi. Un mix sociale che ha fatto ribattezzare il condominio in Edificio Mondo. Poi ci sono gallerie d’arte, un’associazione culturale nata dai condomini, laboratori artigianali e il retro di alcuni ristoranti che scandiscono quotidianamente la vita di cortile con voci e attività. Gli stranieri sono quasi tutti in affitto e poi ci abitano studenti che dopo qualche tempo hanno acquistato casa.

Bligny ©federicaverona1

Oppure c’è chi ha voluto fare invece da subito un investimento immobiliare come Gianmarco, che lo ha visto come una opportunità non solo dal punto di vista economico ma anche come una sfida dal punto di vista sociale.. E c’è chi come Cattelan ha voluto farci lo studio oppure Salvini che in Bligny 42 ha acquistato per avere un affaccio diretto proprio su quella multietnicità che spesso cita, con i toni che tutti conosciamo, nei suoi comizi.

Bligny 42 ai più è famosa per i fatti di cronaca, è definita “buco nero”  “fortino”  e non è un mistero per nessuno che sia uno dei luoghi più dediti allo spaccio. Ma da qualche tempo, non è più solo questo perché pian piano, una serie di attività hanno iniziato a ridefinire il sistema sociale di vicinato. Iniziative nate dal basso e fortemente volute dai nuovi proprietari. È bastato organizzare un evento in cui ognuno ha preso parte all’imbiancatura delle scale e presto si è costituita l’associazione “B42” che con costanza propone pranzi tra vicini, teatro per bambini e animazioni in generale.

Bligny ©federicaverona8

Tra vicini si comunica attraverso la pagina facebook, oppure via mail, racconta Paolo, il presidente dell’associazione. Si condividono idee ma si discute anche dei problemi condominiali. Nonostante l’attivismo, lo spaccio non è sparito. Anzi, quando è buio il traffico ricomincia anche se è interesse di tutti mantenere una certa tranquillità in corte evitando di creare tensione ed emergenze. Quindi se qualcuno magari è ubriaco e perde il controllo, ci mettono poco, alcuni suoi vicini di casa, a riportare l’ordine.

Bligny ©federicaverona9

Una sorta di patto di convivenza quindi, dove l’associazione, insieme alle altre realtà, continua a rilanciare dal punto di vista della coesione e della diffusione culturale consapevole di intralciare gli affari di chi, d’altro canto, non ha nessuna intenzione di cambiare indirizzo. Così diventa più conveniente continuare il proprio business ma più  silenziosamente, finchè progressivamente non converrà davvero spostarsi altrove.

Tra le varie realtà c’è anche l’ Associzione 3.2.1 che si occupa dei laboratori interculturali e di animazione socio culturale durante le feste nel cortile. Il grande mappamondo colorato con le spezie che domina la parete del primo androne è stato realizzato dagli abitanti del palazzo durante uno di questi laboratori. Di recente è stata organizzata una caccia al tesoro in cui hanno partecipato tutti i bambini del cortile e i loro genitori. L’obbiettivo di 3.2.1 è quello di riprendere in mano il proprio spazio di vita, accorciare le distanze tra chi il palazzo lo vive quotidianamente, uscire dal senso di solitudine a cui sono costretti alcuni abitanti. “Nessuno libera nessuno e nessuno si libera da solo”diceva Freire e per l’Associazione 3.2.1 questo significa provare a fare di Bligny42 un laboratorio di coesione sociale che possa essere da esempio non solo per la corte del 42 ma anche per tutta la città di Milano”.

Mostre, performance, residenze d’artista e scambi a livello mondiale in continuo dialogo con gli abitanti di Bligny 42.  Questo fa lo spazio Nour: “un luogo di incontro che nasce dall’arte e legato fortemente alla realtà che lo circonda”.

Bligny ©federicaverona5

L’idea nasce da un artista iraniano che si chiama Mahmoud Saleh Mohammadi e che ha scelto di trasformare il proprio atelier in opera d’arte collettiva. A lui si uniscono Gaia Rocchi, art director, Arsham Alaviani, direttore collaborazioni internazionali e anche lui iraniano e Maria Pisani. Vivono in Viale Bligny da qualche tempo e l’ultima mostra fatta in cortile è un progetto fotografico, nato per ringraziare gli abitanti per quanto fanno insieme a loro.

Bligny 42 a sé, infine, non attira solo i giornalisti di cronaca, ma anche artisti, disegnatori e narratori come ad esempio Francesca Cogni, Donatello de Mattia e Fabrizio Falzone che 5 anni fa hanno tradotto in un film animazione “42 storie da un edificio mondo” .

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

innovazione sociale

Rigenerazione urbana e innovazione sociale. Un ossimoro?

3 Novembre 2015
filosofia donne-ricerca-internazionale

La filosofia, le donne e la carriera internazionale

29 Aprile 2016

Candidati a BAGLIORE, il nostro programma di residenze artistiche per scrittrici e scrittori under 35

5 Settembre 2019

Organizzare gli inorganizzabili, l’esperienza di Riders Union Bologna: dalla vertenza allo scandalo

25 Febbraio 2019