Almanacco > Inediti
31 maggio 2018

Partecipa al Camp Nube di Parole al Polo del’900 per trovare le parole del lavoro culturale del futuro

Scarica l'inedito in PDF!

Per scaricare l’articolo in pdf bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.
Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.

Letta l'informativa*, dichiaro di averne compreso il contenuto e acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità ivi indicate.

Nube di Parole è un progetto di cheFareWeMakeCentro Studi del Presente e Polo del ‘900 con il sostegno di Compagnia di san Paolo.

È pensato come un gioco e come tutti i giochi va giocato seriamente. Lo scopo è trovare il significato pieno di alcuni termini che di fatto sono ricorrenti nel linguaggio della progettazione culturale ma sono usati spesso in modo ambiguo, poco chiaro, o addirittura per rimarcare l’appartenenza a un settore, senza comprenderne davvero il significato.
Se non ci si trova d’accordo, almeno un po’, sul significato delle parole, queste semplicemente perdono la loro funzione di strumenti utili a mettersi d’accordo, convivere e articolare l’infinita varietà di rapporti che chiamiamo società.

In queste settimane stiamo proponendo al nostro pubblico e a quello dei nostri partner un elenco di 40 espressioni divise in 4 gruppi per trovare, rispondendo a 4 sondaggi online, le 8 parole su cui è più urgente riflettere e che potrebbero essere strumenti utili nella cassetta degli attrezzi di chi lavorerà nella cultura nei prossimi anni.

L’ultimo sondaggio si chiuderà il 9 giugno 2018. Per il 14 giugno invitiamo tutti coloro che credono che la cultura sia la chiave del futuro a partecipare, questa volta dal vivo, al Camp Nube di Parole che abbiamo organizzato al Polo del ‘900.

Nel corso della giornata lavoreremo sul significato degli 8 termini emersi dai 4 sondaggi alternando momenti di lavoro collettivo a speech di esperti del linguaggio, attivisti culturali e degli ideatori del progetto, tra cui:

Alessandro Bollo, direttore del Polo del ‘900 di Torino
Matteo D’Ambrosio, responsabile dell’Area valorizzazione culturale e Audience Development del Polo del ‘900.
Bertram Niessen, presidente di cheFare.
Zoe Romano, fondatrice del Makerspace/FabLab WeMake.
Valeria Verdolini, ricercatrice, sociologa del diritto e attivista, fondatrice di cheFare di cui cura la progettazione culturale.

La partecipazione al Camp è gratuita e aperta a tutti ma i posti sono solo 20. Per partecipare prenota su Eventbrite cliccando sul pulsante azzurro ‘Paprtecipa al Camp’.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Dalla sostenibilità economica alla neurosostenibilità

10 dicembre 2018
sostenibilità

Sostenibilità: una parola sciamanica

14 novembre 2018
parole

Nube di parole, ridefinire la pratica culturale con la co-scrittura

9 ottobre 2018