L’emergenza di prendersi cura di noi: risorse online al tempo di Covid-19

Scarica come pdf

Scarica l'articolo in PDF.

Per scaricare l’articolo in PDF bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.


Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter.

image_pdfimage_print

La diffusione in Italia del Coronavirus (Covid-19) ci obbliga a rimanere all’interno delle nostre case probabilmente più a lungo di quanto non fosse mai successo nelle nostre vite. Questo particolare stato d’eccezione – in cui il tempo di ognun* non è più scandito dal quotidiano ritmo delle abitudini e lo spazio di azione e interazione è costretto allo spazio domestico e virtuale – ci porta ad un confronto con noi stess* e con il prossimo attraverso nuove forme di reciprocità, scambio e cura.

Sappiamo che per molt* di noi questo vuol dire anche confrontarsi con la solitudine, la violenza, la paura, perché per molte donne* #iorestoacasa non è un invito rassicurante. Non per tutte #iorestoacasa rappresenta un momento di raccoglimento: le case possono rappresentare luoghi di paura, se si vive una relazione violenta, e non tutt* hanno una casa in cui vivere o a cui tornare.

Come team di Chayn Italia abbiamo pensato a cosa potessimo fare per essere di supporto in questa situazione così particolare. Mentre ci scambiavamo messaggi per sapere come stavamo, come ognuna di noi stava passando il tempo – chi in telelavoro, chi il lavoro l’aveva perso e chi, nonostante tutto, stava continuando ad andarci – Silvia ha lanciato l’idea di realizzare un elenco partecipato di risorse multimediali gratuite e facilmente accessibili. Ognuna di noi stava infatti già iniziando a scoprire e consultare le tante risorse nate in rete in risposta all’isolamento.

Siamo una realtà che crede nella forza delle reti e nello scambio di pratiche ed esperienze per condividere risorse, creare soluzioni collettive ed incoraggiare collaborazione. Nel nostro piccolo, ci è sembrato che una mappatura di contenuti disponibili online potesse aiutare a rendere, almeno per qualcun*, meno pesante questo momento. 

Questo elenco è stata realizzato dalla nostra comunità: 21 donne* sparse per l’Italia e l’Europa che collaborano in via digitale da diversi anni. Ognuna di noi ha indicato materiali e contenuti che la aiutano a stare meglio, a riflettere, a distrarsi, ad accrescere le proprie conoscenze: la lista che ne è nata è frutto quindi dell’incontro di diversi gusti, esperienze, desideri e senso dell’umorismo.

Artwork di Linda Faccioni

Il primo supporto che abbiamo voluto fornire è per le donne*, ragazze e madri che in questo momento stanno attraversando un momento di difficoltà: lo sportello online Mama Chat offre un servizio di ascolto gratuito e anonimo attivo dal lunedì al venerdì. Stiamo lavorando anche a strumenti che possano supportare i centri anti-violenza in questo momento così delicato: sappiamo che la violenza aumenta quando le circostanze portano a passare maggior tempo a casa.

Abbiamo poi mappato risorse che provengono da quel sistema di informazione e produzione culturale indipendente e, spesso, auto-prodotto, che da sempre offre contenuti gratuiti o ad offerta libera, e quindi accessibili a tutt*. Ne sono un esempio “Fuoriclasse – storia del femminismo” le lezioni a cura di Non una di meno Milano (fruibili sul loro canale youtube);

Larchivio “Women who draw”, un elenco di illustratrici, artiste e fumettiste donne*; e lo streaming di comunità di Distribuzioni dal Basso.



Non ci siamo sentite di escludere altre proposte più conosciute, come Storie Libere, una piattaforma indipendente di podcast audio affidata a narratori militanti, al cui interno c’è il programma “Morgana – storie di ragazze che tua madre non avrebbe approvato” di Michela Murgia e Chiara Tagliaferri.

Abbiamo voluto promuovere anche produzioni di realtà e persone che sentiamo vicine, come i video Youtube a cura della Libreria Tuba di Roma, una realtà che ogni anno organizza un festival del fumetto e uno di letteratura di sole autrici donne*.

O iniziative a cui abbiamo collaborato, come l’elenco di cortometraggi su YouTube per combattere la violenza contro le donne a cura di Modern Films, UK SAYS NO MORE E 16 Days of Activism.
Nell’elenco sono inoltre presenti app, risorse audio, video, account social e tour virtuali di musei e archivi.

Qui trovate l’elenco completo: LINK ALL’ELENCO DI RISORSE MULTIMEDIALI

Vogliamo che questo sia uno strumento aperto e partecipato, per questo vi invitiamo a suggerirci nuovi argomenti e risorse da aggiungere alla lista, mettendovi in contatto con noi sulla pagina facebook Chayn Italia, l’account Twitter @Chayn_Italia, via e-mail scrivendo a info@chaynitalia.org e anche su Instagram: Chayn_Italia


Chi è Chayn Italia?
Chayn Italia è una piattaforma open source che fornisce strumenti contro la violenza di genere alle donne* che vivono relazioni violente e a chi sta loro vicino. CHAYN promuove numerosi progetti internazionali e locali mantenendo un focus particolare sulla centralità delle nuove tecnologie. La lotta per uscire dalle situazioni di violenza di genere si arricchisce di nuovi strumenti made by Feminist civic hacker. Se non ci conosci e vuoi sapere qualcosa in più su di noi visita il nostro sito: chaynitalia.org. 

*Chayn Italia ogni volta che utilizza la parola donne si riferisce a chiunque si senta tale.

*Chayn Italia ogni volta che utilizza la parola donne si riferisce a chiunque si identifichi come tale.

Note