Almanacco > Inediti
9 Aprile 2019

Che cos’è Lìberos

Scarica l'inedito in PDF!

Per scaricare l’articolo in pdf bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.

Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter. Questa è la nostra informativa privacy

[recaptcha size:compact]

Lìberos è il progetto che ha vinto la prima edizione del Premio cheFare. È un social network che unisce, online e sul territorio sardo, professionisti dell’editoria, lettori, realtà legate al libro, alla scuola, gruppi di lettura, biblioteche e non solo. Il sito offre tra le altre cose una mappa delle iniziative e uno spazio di confronto tra i lettori.
Éntula è il festival letterario permanente organizzato dall’associazione.

Francesca Casula risponde alle 15 domande di cheFare per la rubrica I nuovi modi di fare cultura.

Per leggere le altre interviste clicca qui.

nuovimodi-cultura chefare

Perché Lìberos si chiama così?
Il nome è stato votato online su proposta del poeta Alberto Masala; in sardo significa ‘liberi’ ma anche ‘libri’.

Quando è nata?
Nel 2012

Dove?
In Sardegna.

Perché?
Per mettere a sistema tutte le competenze e le relazioni che nel mondo del libro esistevano già, in modo da moltiplicarne il valore e e trasformarle in opportunità e vantaggi per tutti quelli che credono nella collaborazione più che nella competizione.

liberos_team-chefare

Che fate?
Promuoviamo la lettura su tutto il territorio sardo con una spiccata predilezione per le piccolissime comunità lontane dai centri principali e quindi escluse dalla circolazione delle altre proposte: un festival letterario diffuso e permanente.

La cosa più importante che avete fatto
Il festival Éntula.

Perché è la più importante?
Perché, nel panorama delle proposte di attività legate alla lettura e ai libri, Éntula mira a distribuire il “pane quotidiano”, anziché offrire l’ennesimo “cenone di Capodanno”, e quindi a raggiungere anche chi non frequenterebbe un festival letterario classico.

Qual è il suo elemento più innovativo?
Il metodo. La costruzione della proposta viene fatta insieme ai rappresentanti delle comunità che la ospiteranno: amministratori e bibliotecari.

Che ruolo ha la cultura in questa esperienza
Parafrasando Gaber, direi che cultura è partecipazione.

liberos-entula-chefare-nuovimodi

Quali sono le sue ricadute sociali?
L’abbattimento della barriera psicologica di accesso alla cultura e il miglioramento della qualità della vita nei piccoli borghi.

Con Lìberos si mangia?
Sì.

Com’è possibile?
Facciamo una proposta di qualità agli enti locali. I costi per loro sono contenuti ma consentono a noi di pagare il lavoro, oltre ai costi vivi. E ovviamente partecipiamo a bandi.

Qual è l’ostacolo più grande che volete superare?
L’approccio assistenzialistico alla cultura sia da parte di chi la fa, sia da parte di chi la finanzia. L’investimento in cultura è ben lontano dall’essere percepito come tale, e questo porta a fare quel che si può con quel che si ha, che è sempre troppo poco, invece di pretendere il meglio, come con le cose cui si dà davvero importanza.

Fate parte di un network più grande di voi?
No.

Cosa avete intenzione di fare per un futuro migliore?
Quello che stiamo già facendo, sempre di più e sempre meglio.


La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Progetti > I nuovi modi di fare cultura

Potrebbero interessarti anche questi articoli

ritratto di brice coniglio, fondatore e ideatore di viadellafucina16

Che cos’è viadellafucina16

10 Luglio 2019
Edoardo Montenegro, Betwyll

Che cos’è Betwyll

2 Luglio 2019
Simone Robutti racconta a cheFare che cos'è la piattaforma per sviluppatori Gambe.ro

Che cos’è Gambe.ro

25 Giugno 2019