‘Critica della ragione cospirativa’ l’ultimo intervento di Giorgio Agamben per la rubrica ‘Una Voce’

Scarica come pdf

Scarica l'articolo in PDF.

Per scaricare l’articolo in PDF bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.


Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter.

image_pdfimage_print

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Medium.

Con la recente pubblicazione di un intervento del filosofo italiano Giorgio Agamben per la rubrica ‘Una Voce’, ospitata presso il sito della casa editrice Quodlibet — che ha contribuito a fondare e curare — si è chiuso un ciclo. Da mesi le posizioni di Agamben sul governo dell’emergenza pandemica sono oggetto di dibattito, stupore e scherno, vuoi per il carattere episodico e poco accurato di quei testi, vuoi per la pericolosa vicinanza fra le idee del filosofo romano e la sfera di ciò che si potrebbe comunemente chiamare ‘complottismo’.

“Come sempre nella storia, anche in questo caso vi sono uomini e organizzazioni che perseguono i loro obiettivi leciti o illeciti e cercano con ogni mezzo di realizzarli ed è importante che chi vuole comprendere quello che accade li conosca e ne tenga conto. Parlare, per questo, di un complotto non aggiunge nulla alla realtà dei fatti. Ma definire complottisti coloro che cercano di conoscere le vicende storiche per quello che sono è semplicemente infame” Giorgio Agamben, ‘Due vocaboli infami’, ‘Una Voce’, 10 Luglio 2020

Note

Clicca qui per leggere l’articolo completo