Almanacco > Dal web
8 Aprile 2019

È aperta la call per un progetto musicale collaborativo elettroacustico per 5 compositori e algoritmi di machine learning

L’acronimo CECIA sta per Collaborative Electroacoustic Composition with Intelligent Agents, è un progetto artistico innovativo che integra il lavoro di 5 compositori con quello di alcuni algoritmi di machine learning per produrre un’opera elettroacustica coerente.

  • Deadline: 30 aprile 2019
  • A chi si rivolge: compositori di tutto il mondo
  • Cosa offre: un fee di 400 euro per un lavoro creativo da svolgersi in remoto tra il 1° Agosto e il 30 Novembre 2019

Lo scopo del progetto è esplorare la creazione musicale collaborativa controllando la creatività dei compositori e degli algoritmi attraverso una piattaforma di cloud computing.

Il processo collaborativo della composizione sarà condotto online in maniera interattiva, i compositori sottoporranno il loro lavoro e proprie idee e materiali alla valutazione reciproca. I dati così prodotti alleneranno gli algoritmi di apprendimento automatico, che genereranno nuove strutture sonore in armonia con le preferenze del gruppo.

Questo modi di lavorare favorisce un modello decentralizzato per la composizione di musica elettroacustica, caratterizzata da un’azione ibrida (umana e algoritmica) e da una proprietà intellettuale distribuita.

I compositori selezionati lavoreranno in remoto, utilizzando una piattaforma di cloud computing, e saranno sostenuti dai moderatori del progetto: Kosmas Giannoutakis  e Artemi – Maria Gioti.

Tutti i contenuti creativi generati dagli algoritmi e dai compositori selezionati saranno sotto licenza Creative Commons, cosa che permetterà a ZKM e al progetto Interfaces di pubblicarli in qualsiasi formato fisico o digitale.

Per candidarti e per tutte le info clicca su ‘Vai alla fonte’

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Diritti Digitali

Potrebbero interessarti anche questi articoli

A Torpignattara c’è un’intelligenza artificiale di quartiere — si chiama IAQOS

macchine vedono occhio macchina arcagni

‘Le macchine vedono’: ecco cosa significa davvero quest’affermazione

24 Maggio 2019
ippolita-nuovimodi-chefare-stramonio2

Che cos’è Ippolita

14 Maggio 2019