Almanacco > Dal web
17 Novembre 2016

La Cultura è un Fatto Sociale. Intervista a Bertram Niessen

È stato presentato lo scorso ottobre “La Cultura in Trasformazione”, un libro curato da cheFare, l’associazione che si occupa di ricerca e analisi sulle trasformazioni del mondo culturale, ma che è maggiormente conosciuta per il suo omonimo premio. Il bando cheFare (dal 2012 al 2014 prodotto da doppiozero e divenuto poi una realtà a sé stante) ha vagliato in tre edizioni oltre 1.800 progetti di innovazione culturale e ha recentemente selezionato i tre vincitori della terza edizione per un contributo totale di 150.000 euro. Il libro è una raccolta di riflessioni sulle trasformazioni, avvenute negli ultimi 15 anni, del settore culturale di cui tutti i contributor sono stati attori – Alessandro Bollo, Roberto Casati, Paola Dubini, Vincenzo Latronico, Marco Liberatore, Gianfranco Marrone, Bertram Niessen, Ivana Pais, Christian Raimo, Jacopo Tondelli. A Bertram Niessen, direttore scientifico e presidente di cheFare, abbiamo chiesto cos’è cambiato nel mondo della cultura negli ultimi anni e quali sono le sue maggiori necessità.

Quali sono i principali cambiamenti che hanno caratterizzato il mondo culturale?
Sicuramente il primo grande cambiamento è la completa trasformazione dei mezzi di produzione e di fruizione del prodotto culturale. Sto parlando della rivoluzione digitale, soprattutto quella 2.0, che ha creato una situazione paradossale; da una parte ha reso i servizi culturali più accessibili, facendo del consumatore anche un produttore e curatore di contenuti culturali- il prosumer, ma dall’altra parte ha fatto crollare il valore unitario di molti contenuti. Questo da un punto di vista degli addetti al settore significa che il valore immateriale complessivo del prodotto culturale sta aumentando, ma la capacità di produrre reddito attraverso questi tipi di prodotti è diminuito drasticamente.

Conseguenze?
E’ subentrata la necessità di reperire fondi a seguito del continuo taglio degli stanziamenti pubblici alla cultura; si è cercato quindi di entrare in un dialogo più strutturato con il mercato. Il problema è che molti operatori culturali, totalmente estranei alle dinamiche del mercato e senza le competenze necessarie, si sono costituiti in ‘impresa’, che però non rappresenta la chiave di volta di tutti i problemi del settore. Logica spinta a volte troppo in avanti, esasperandola, fino a pensare all’azione culturale quasi esclusivamente entro logiche di consumo culturale. Ma, anche grazie a questa trasformazione, si sono consolidate nuove professionalità come quella del manager culturale. E si stanno inziando a vedere nuove modalità di interazione tra soggetti privati e cultura sui territori.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Progetti > La cultura in trasformazione. Il libro

Potrebbero interessarti anche questi articoli

mentana-Open-Signorelli2

Perché Open di Mentana non va e come funziona il giornalismo digitale

L’esperimento di Bromberg-Martin spiega perché il nostro cervello vuole sapere cosa ci aspetta

9 Gennaio 2019
l'unità

L’Unità accelerazionista? Fare informazione (e) politica oggi