Almanacco > Dal web
18 Luglio 2019

FaceApp vende i tuoi dati perché c’è il capitalismo, non perché è russa

Le questioni sono due:

  1. Se usi FaceApp il tuo volto è già catalogato negli archivi di qualche azienda, unito ai dati su dove vivi, che siti visiti, chi sono i tuoi amici e tutto il resto. Potrebbero mandarti pubblicità basate su questi dati e su queste associazioni. Tutte le app gratuite fanno così per vivere.
  2. Il problema di FaceApp non è la Russia. Non sono solo le app sviluppate in Russia a vendere i dati degli utenti indiscriminatamente. Sono tutte o quasi le app gratuite a farlo, in tutto il mondo. Si chiamano gratuite, ma in realtà la merce sei tu.

E quindi:

  • Il problema di FaceApp e di tutte le altre app e piattaforme a cui lasciamo usare i nostri dati e quelli dei nostri contatti divertendoci come matti è il capitalismo, non sono i servizi segreti.

Se vuoi capire meglio di cosa stiamo parlando, clicca su ‘Vai alla fonte’ e leggi l’articolo di Caroline Haskins. È cortissimo.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Diritti Digitali

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Non solo gruppi Telegram, TikTok sta trasformando la sessualità degli adolescenti

Per osservare il caos, gli algoritmi lottano contro l’entropia

12 Marzo 2020
Simone Robutti racconta a cheFare che cos'è la piattaforma per sviluppatori Gambe.ro

Che cos’è Gambe.ro

25 Giugno 2019