Almanacco > Dal web
18 Luglio 2019

FaceApp vende i tuoi dati perché c’è il capitalismo, non perché è russa

Le questioni sono due:

  1. Se usi FaceApp il tuo volto è già catalogato negli archivi di qualche azienda, unito ai dati su dove vivi, che siti visiti, chi sono i tuoi amici e tutto il resto. Potrebbero mandarti pubblicità basate su questi dati e su queste associazioni. Tutte le app gratuite fanno così per vivere.
  2. Il problema di FaceApp non è la Russia. Non sono solo le app sviluppate in Russia a vendere i dati degli utenti indiscriminatamente. Sono tutte o quasi le app gratuite a farlo, in tutto il mondo. Si chiamano gratuite, ma in realtà la merce sei tu.

E quindi:

  • Il problema di FaceApp e di tutte le altre app e piattaforme a cui lasciamo usare i nostri dati e quelli dei nostri contatti divertendoci come matti è il capitalismo, non sono i servizi segreti.

Se vuoi capire meglio di cosa stiamo parlando, clicca su ‘Vai alla fonte’ e leggi l’articolo di Caroline Haskins. È cortissimo.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Diritti Digitali

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Simone Robutti racconta a cheFare che cos'è la piattaforma per sviluppatori Gambe.ro

Che cos’è Gambe.ro

25 Giugno 2019

A Torpignattara c’è un’intelligenza artificiale di quartiere — si chiama IAQOS

macchine vedono occhio macchina arcagni

‘Le macchine vedono’: ecco cosa significa davvero quest’affermazione

24 Maggio 2019