Almanacco > Dal web
24 Giugno 2019

Ecco qual è il piano di Facebook per spaccare il sistema finanziario globale

Evgeny Morozov (sociologo ed esperto di tecnologia di fama interazinale) ha scritto sul Guardian un articolo in cui esamina i pochi punti fermi dell’ambiguo progetto Libra di Facebook per chiarire gli elementi chiave della sua strategia.

Ecco una traduzione libera della parte centrale dell’articolo:

“Mentre si prepara per la battaglia pubblica sul futuro, Facebook sembra aver afferrato che la sua arma più potente è la mobilitazione di quel tipo di populismo che ha già permesso ad altri giganti della Silicon Valley – specialmente Uber e Airbnb – di farsi forti delle schiere dei propri utenti nelle loro campagne anti-regulation.

“Facebook si posiziona come una forza ribelle contro la mediocrità dei burocrati e i noiosi obblighi aziendali. I suoi strateghi cercano di convincere il pubblico che l’azienda, una forza universale d’emancipazione e disruption, è vittima di una cospirazione globale messa in atto da politici amici tra loro e concorrenti pigri. Vista l’illimitato scontento dell’opinione pubblica verso le banche e le loro autorità di controllo – superata solo dallo scontento verso le compagnie di telecomunicazione – l’argomento potrebbe anche avere una capacità persuasiva.

Il lancio di Libra, per Facebook, potrebbe anche indicare un’ammissione, per quanto sottile, dell’imminente trasformazione del suo modello di business.
È da notare il fatto che Facebook abbia già tranquillamente abbracciato l’idea – un tempo considerata maledetta nei grandi circoli tech – che i dati degli utenti siano una merce con l’etichetta del prezzo appiccicata.  Per questo, ha lanciato di recente un’app che paga gli utenti per raccogliere dati su come interagiscono coi servizi e le app della concorrenza. Ma cosa ne è dei dati che utenti generano proprio mentre usano Facebook?

La scommessa a lungo termine di Facebook potrebbe benissimo essere che un’economia digitale in cui dati e servizi sono completamente mercificati potrebbe essere tanto redditizia quanto quella in cui gli imperativi pubblicitari aiutano a mantenere quei dati non mercificabili.”

Per leggere l’articolo originale clicca su ‘Vai alla fonte’

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Diritti Digitali

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Non solo gruppi Telegram, TikTok sta trasformando la sessualità degli adolescenti

Per osservare il caos, gli algoritmi lottano contro l’entropia

12 Marzo 2020
Simone Robutti racconta a cheFare che cos'è la piattaforma per sviluppatori Gambe.ro

Che cos’è Gambe.ro

25 Giugno 2019