Almanacco > Dal web
11 Dicembre 2018

FairBnB è l’alternativa etica ad Airbnb è una cooperativa che investe nei progetti locali

Per quanto riguarda imprenditorialità e innovazione, Airbnb è un’organizzazione brillante. Basata sull’idea semplice di aiutare le persone ad affittare ai turisti le loro case, il suo fatturato annuo ha superato quota 2 milioni di dollari nei suoi primi dieci anni, e i suoi servizi sono diffusi in quasi ogni Paese del mondo.

Ma l’immensa popolarità di Airbnb, unita ai vantaggi che offre, porta con sé anche un mucchio di guai. Molte città indicano Airbnb come una delle cause principali dell’aumento degli affitti, della mancanza di alloggi, della gentrificazione e altri effetti perturbatori del turismo. Ecco perché Sito Veracruz e i suoi partner hanno intrapreso l’ambizioso progetto di di creare un’alternativa migliore e più giusta: FairBnB.

Trasparenza e legalità, il riutilizzo del 50% dei proventi delle commissioni in progetti locali e lo statuto di cooperativa sono le tre caratteristiche che rendono FairBnB diversa da Airbnb.

Dopo anni di sviluppo, i primi affitti brevi via FairBnB sono pronti a partire nel gennaio 2019 in 4 città.

Clicca su ‘Vai alla fonte’ per leggere l’articolo originale in inglese 

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Innovazione sociale

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Nuova natura: ci stiamo chiudendo in casa per aprirci al mondo

26 Marzo 2020

Come si fa smart schooling se non si ha internet a casa?

25 Marzo 2020

Il futuro è un fatto collettivo e parte ora, in questi giorni di quarantena

18 Marzo 2020