Almanacco > Dal web
17 Luglio 2019

Partecipa alla petizione per salvare i Giardini Luzzati di Genova

Ai Giardini Luzzati, nel centro storico di Genova, da 7 anni un gruppo di associazioni gestisce l’area archeologica dell’anfiteatro romano e ha trasformato la piazza in uno spazio comune aperto a tutti con un orto sociale e spazi verdi, associativi e sportivi. È stata così realizzata un’operazione di rigenerazione urbana di innegabile valore culturale e sociale, mentre la riqualificazione di un’area simile, senza il lavoro, gli investimenti e la capacità aggregativa delle associazioni, costerebbe milioni di euro all’amministrazione.

I Giardini Luzzati hanno realizzato più di 1200 eventi per tutti, ospitano artisti grandi, piccoli e grandissimi, offrono a tutti uno spazio per la partecipazione dove discutere, approfondire e svagarsi. Ai Giardini Luzzati si lavora per l’inclusione con inserimenti lavorativi e programmi di integrazione sociale rivolti a giovani e migranti.

Il bando triennale di concessione dello spazio scadrà ad ottobre, ma le associazioni che lo gestiscono non sanno ancora niente di come proseguirà il progetto. Per questo hanno lanciato un appello all’opinione pubblica che in pochi giorni ha raccolto più di 5000 firme oltre al sostegno di artisti come Frankie Hi-energy e Malika Ayane, per spingere il sindaco Marco Bucci della Lega a dare delle risposte sul rinnovo della concessione e sulle le linee guida della futura gestione dell’area. A Genova nel 2016 è stato approvato un regolamento per la partecipazione della cittadinanza alla gestione dei beni comuni, ma in questo caso sembra restare lettera morta.

La questione è urgente anche perché le associazioni che gestiscono i Giardini hanno appena vinto un altro bando, “Nuove Generazioni” di Impresa Sociale con i Bambini, del valore di 700mila euro, con un progetto triennale di valorizzazione dell’area archeologica in una prospettiva di contrasto alle povertà educative che ha come partner, oltre allo stesso Comune, Iit, Cnr, Casa Paganini-DIBRIS, Teatro della Tosse, Istituto Comprensivo Centro Storico, Festival della Scienza, Federazione Regionale Solidarietà e Lavoro e Associazione Balgasar.
Il rischio però è quello di perdere i fondi perché le azioni di progetto non sono state ancora avviate proprio per mancanza di risposte sulla futura gestione dell’area da parte delle istituzioni.

Clicca su ‘Vai alla fonte’ per firmare la petizione.


L’immagine di copertina proviene dalla Pagina Facebook dei Giardini Luzzati

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Rigenerazione urbana

Potrebbero interessarti anche questi articoli

ritratto di brice coniglio, fondatore e ideatore di viadellafucina16

Che cos’è viadellafucina16

10 Luglio 2019

Abbiamo bisogno di un piano contro la desertificazione dei centri storici

erika-mattarella-bagni-pubblici-via-aglie-nuovimodi-chefare

Che cosa sono i Bagni Pubblici di Via Agliè

18 Giugno 2019