Almanacco > Dal web
6 Giugno 2019

Intervista ad Aqui Thami, fondatrice della prima biblioteca femminista di comunità di tutta l’India

I nuovi centri culturali sono spazi di confronto, di scontro e di trasformazione. Il lavoro che svolgono è inestimabile ma è necessario fare di più per sostenerli. Farlo significa superare gli ostacoli economici e pratici che li hanno limitati fino ad ora: dobbiamo condividere strumenti, conoscenze ed esperienze. Abbiamo bisogno di una presa di coscienza collettiva. Vogliamo unire le forze con tutti i nuovi centri culturali d’Italia. Compila il nostro questionario e raccontaci chi sei.


Dazed pubblica un’intervista di Jessie Williams ad Aqui Thami, artista e attivista di Mumbai che ha da poco fondato la prima biblioteca femminista di comunità in India: la Sister Library.

Nota per i suoi guerrilla poster, le sue foto e le sue fanzine, Thami afferma che «l’arte è attivismo». La sua pratica artistica esplora esperienze di marginalizzazione e resilienza, sue o delle persone con cui collabora alla Dharavi Art Room.

La Sister Library, con la quale vuole creare un luogo in cui le donne possano ritrovarsi e organizzarsi per distruggere il patriarcato, è in continuità con la Dharavi Art Room.

Per leggere l’articolo originale clicca su ‘Vai alla fonte’.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Innovazione sociale

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Perché nel caso Rialto a Roma la burocrazia si è sostituita alla politica

18 Febbraio 2020

Servono nuove politiche urbane per le periferie, per farle dobbiamo partire dalla scuola

13 Febbraio 2020

Il fermento delle città intermedie: l’Italia policentrica

6 Febbraio 2020