Almanacco > Dal web
30 Aprile 2015

L’innovazione sociale europea

Senza voler giocare con le parole, questa sembra essere diventata la questione del secolo. Una società ben nutrita di innovazione sociale sembra essere, infatti, più e meglio di altre equipaggiata a reggere i contraccolpi delle variazioni strutturali, economiche e demografiche che ci stanno letteralmente assalendo. E di questo progressivamente prendono atto i governi occidentali.

Forte di ciò l’Unione Europea, che raccoglie Paesi in cui l’innovazione sociale ha una tradizione antica per quanto differenziata e forse più radicata nelle pratiche che in teorie e modelli, lo scorso 16 -17 marzo ha lanciato l’iniziativa pilota “Social Innovation Europe”.

Ad aprire il presidente Barroso che semplicemente l’ha definita così: “L’innovazione sociale è un intervento che risponde ai bisogni sociali insoddisfatti, migliorando gli outcomes sociali. L’innovazione sociale riguarda gli interventi che sono diretti a gruppi vulnerabili della società e che sanno intercettare e valorizzare la creatività delle associazioni di volontariato, delle organizzazioni e degli imprenditori sociali per trovare modi nuovi di rispondere a bisogni sociali impellenti a cui non arriva un’adeguata risposta né dal settore pubblico né dal settore privato.

In senso più ampio l’innovazione sociale riguarda interventi che hanno un impatto sulle grandi sfide della società, in cui i confini tra il “sociale” e l’”economico” non sono ben definiti e che sono, quindi, interventi diretti alla società nel suo complesso.

Innovazione sociale è anche la capacità di innescare i cambiamenti comportamentali che sono necessari per affrontare le principali sfide delle società contemporanee.

L’innovazione sociale riguarda anche gli interventi volti all’empowerment di cittadini per far si che diventino co-creatori di relazioni sociali e modelli di collaborazione innovativi. Il centro è promuovere cambiamenti comportamentali verso una maggiore responsabilizzazione degli individui in quanto parte di una comunità.
In poche parole l’innovazione sociale è per le persone e con le persone. Ha a che fare con solidarietà e responsabilità. E’ buona per la società e al tempo stesso rafforza la capacità della stessa società di agire”.

Nella pubblicazione “This is European Social innovation” che introduce l’iniziativa “Social innovation Europe” si legge che “l’innovazione sociale riguarda le nuove idee che lavorano per rispondere a impellenti bisogni senza risposta. Molto semplicemente le innovazioni sociali possono essere descritte come innovazioni che sono sociali nello scopo e nei mezzi.

Dunque, le innovazioni sociali sono nuove idee (prodotti, servizi e modelli) che incontrano bisogni sociali (in maniera piu efficace delle alternative) e allo stesso tempo creano nuove relazioni sociali o nuove collaborazioni”. (Questa definizione viene ripresa dal Libro Aperto dell’Innovazione Sociale, Marzo 2010, Murray, Calulier-Grice and Mulgan).

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

tel aviv

Diaspora reloaded. Un museo a Tel Aviv

6 Ottobre 2017
rigenerazione, egemonia culturale

La rigenerazione come egemonia culturale

economia-digitale-disattenzione chefare

Quando il Sé diventa digitale il programmatore diventa responsabile?

27 Marzo 2019