Almanacco > Dal web
15 Giugno 2018

Nube di parole, un nuovo lessico per le nuove forme di lavoro culturale

Sostenibilità, engagement, audience, community sono solo alcune delle parole ricorrenti di chi svolge un lavoro culturale. Indicheranno qualcosa comprensibile a molti, se non a tutti? Sono sempre necessari gli anglicismi? L’analfabetismo di ritorno, anch’esso definizione ricorrente, rappresenta una barriera nel lavoro culturale? La comprensione e l’uso delle nuove parole è una sfida che possiamo superare? Ci metterà d’accordo? Tante le domande sul vocabolario usato da chi lavora nella progettazione culturale.

Oggi 14 giugno presso il Polo del ‘900 a a Torino si svolge la prima tappa offline del progetto Nube di Parole, una riflessione sulla necessità di un nuovo vocabolario per il settore culturale ideato da da CheFareWeMake,Centro Studi del Presente e Polo ‘900su un nuovo vocabolario per il settore culturale.
Il progetto Nubi di Parole è stato selezionato lo scorso dicembre tra i 15 vincitori del Bando Polo del ‘900 di Compagnia di San Paolo, una call dedicata all’innovazione civica con un focus sulla progettazione e ricerca partecipata. Scopo del progetto definire il significato di alcuni termini della progettazione culturale, spesso utilizzati in maniera ambigua o impropria, e costruire un vocabolario puntuale e al passo con i cambiamenti che stanno caratterizzando il settore nell’ultimo decennio. La pienezza del significato è solo il punto di partenza di Nube di parole, che vuole tracciare un cammino condiviso con i principali stakeholder del settore.

Gli ideatori del progetto hanno selezionato 40 espressioni ricorrenti, raggruppandole in quattro aree tematiche: i concetti, le professioni, gli strumenti e gli spazi del lavoro culturale. Grazie a quattro sondaggi online, sono state individuate le parole più votate dei quattro gruppi tematici che entro settembre 2018 saranno trasformate in voci d’enciclopedia con l’aiuto di linguisti, semiologi, filosofi e attivisti culturali, ma anche attraverso un processo di scrittura partecipata.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

L’audience engagement è autorappresentazione o militarizzazione della realtà?

14 Gennaio 2019

La formazione dei community hub

14 Dicembre 2018

Dalla sostenibilità economica alla neurosostenibilità

10 Dicembre 2018