Almanacco > Dal web
18 Aprile 2019

Il libro ‘Passions sociales’ curato da Gloria Origgi indaga il legame tra passioni, scelte politiche e disuguaglianze

È uscito di recente per le Puf (Presses Universitaires de France) il volume Passions sociales, curato da Gloria Origgi, che analizza emozioni e passioni nel solco della tradizione filosofica. Invece di considerarle trascurabili interferenze private sull’agire razionale individuale, il libro tratta le passioni nella loro dimensione pubblica, come fattore chiave per comprendere le nostre scelte politiche e sociali.

Passions sociales ha la forma di un glossario e riunisce il lavoro di diversi filosofi che si sono spesi ciascuno su una voce, dalla ‘a’ di Abnégation alla ‘x’ di Xenophobia, passando per Antisémitisme, Crédulité, Misogynie e Réputation.

Libération ha intervistato la curatrice sul rapporto tra le nostre passioni, le nostre scelte politiche e l’aumento delle diseguaglianze.

Clicca su ‘Vai alla fonte’ per leggere l’intervista

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

odiare, arte, guariento

Odiare l’arte contemporanea

23 Luglio 2019
ridere, gervasi, Schadenfraude

Storia della Schadenfreude, l’atomo di malignità dentro ognuno di noi

17 Luglio 2019
lavoro, Svizzera, emigrazione

‘Braccia, non persone’: la storia dell’emigrazione italiana in Svizzera racconta lo scontro xenofobo di oggi

19 Giugno 2019