Almanacco > Dal web
9 Dicembre 2015

Perché bisogna farsi domande?

Non ce n’è: il modo più semplice, più rapido, più divertente, più efficace e (quasi) infallibile per trovare buone risposte è farsi buone domande. “Giudicate un uomo dalle sue domande più che dalle sue risposte” dice Voltaire.

Farsi domande è un atto creativo: l’espressione di un atteggiamento che comprende curiosità, pensiero indipendente, apertura mentale, capacità di negoziare con il caos e l’incertezza.

Se per caso avete voglia di tuffarvi nella sterminata produzione internazionale di testi per l’azienda volti a migliorare la capacità di problem finding (cioè saper scoprire problemi) di problem shaping o problem setting (cioè saper configurare i problemi correttamente) e, finalmente, di problem solving (il saper trovare soluzioni) scoprirete che molte delle tecniche proposte hanno a che vedere con il farsi domande.

Trovano problemi da risolvere facendosi le giuste domande gli innovatori seriali.

Insomma, santa polenta!, fatevi delle domande. Sempre. Avete notato che un punto interrogativo a testa in giù somiglia a un amo? Bene: buttatelo nel mare del possibile, e vedrete che qualcosa di interessante ci resterà attaccato. Nel caso vi steste chiedendo quali domande conviene farsi (anche questa è una buona domanda), ecco qui:

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Roedelius Schneider

Roedelius Schneider: the universe declining in your hair

2 Maggio 2016
città

L’airificazione delle città: Airbnb e la produzione di ineguaglianza

Quelle cose strane chiamate festival: territori, persone e comunità

8 Agosto 2018