Almanacco > Dal web
12 Giugno 2019

Perché in 10 anni, a Roma, hanno chiuso 223 librerie

Su Internazionale dell’8 giugno 2019, Claudio Morici prova a capire perché, in Italia, dal 2010 al 2016 le piccole librerie sono passate da 1.115 a 811.

Passa in rassegna diversi argomenti, e poi li scarta (quando non li annuncia scartati fin dall’inizio). A quanto pare non si può dare la colpa delle grandi catene, e nemmeno ad Amazon.

Non è colpa nemmeno dei (non) lettori, anche se la situazione è disarmante: il 32,3% dei laureati non legge mai neanche un libro.

Claudio Morici, chiacchierando con i librai di Roma, prova a fare un’altra ipotesi: i libri sono diversi dai sacchi patate, eppure in Italia si trattano allo stesso modo. Le librerie pagano le stesse tasse e gli stessi affitti dei supermercati e dei compro-oro, mentre in Francia il ministero della cultura ha iscritto “le tradizioni e le conoscenze dei librai” nel patrimonio culturale immateriale.

Clicca su ‘Vai alla fonte’ per leggere l’articolo.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Economia della cultura

Potrebbero interessarti anche questi articoli

ritratto di brice coniglio, fondatore e ideatore di viadellafucina16

Che cos’è viadellafucina16

10 Luglio 2019
Edoardo Montenegro, Betwyll

Che cos’è Betwyll

2 Luglio 2019
Francesco Mannini presidente delle Officine Culturali di Catania

Che cosa sono le Officine Culturali

11 Giugno 2019