Almanacco > Dal web
22 Maggio 2019

Come cambia la tua vita quando in quartiere c’è una biblioteca

I benefici che una biblioteca di quartiere può portare agli abitanti vanno ben oltre quelli che derivano dalla lettura e perfino dal confronto e lo scambio che una biblioteca favorisce.

Uno studio di Daniel A. Cox e Ryan Streeter, rispettivamente research fellow e director of domestic policy studies all’American Enterprise Institute, dimostra quanto non solo le biblioteche, ma anche altri servizi – dai parchi pubblici agli esercizi commerciali – contribuiscano ad aumentare la speranza, diminuire il senso di solitudine e ristabilire la fiducia nell’amministrazione locale.

Proprio mentre il discorso politico genera dissenso e derisione, il tempo che passiamo online riduce quello che potremmo passare in attività non mediate dall’interfaccia e la fiducia che nutriamo l’uno verso l’altro e nei confronti delle istituzioni è precipitata, la presenza di mercati, librerie e caffetterie sotto casa può aiutare.

I due studiosi hanno pubblicato sull’Atlantic un articolo divulgativo che presenta i risultati più interessanti del loro studio.

Per leggere l’articolo clicca su ‘Vai alla fonte’ 

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Innovazione sociale

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Fermi alle Colonne d’Ercole: una proposta per ripensare la misurazione dell’impatto sociale

17 Settembre 2019

Dobbiamo superare il ‘bandismo’ per ricominciare a fidarci dell’innovazione culturale

12 Settembre 2019

Diario di un festival: Nuove Pratiche Fest, il senso di un percorso sempre aperto