Almanacco > Dal web
19 Marzo 2018

Un anno di Scuola Open Source, ecco i nuovi corsi

Limportanza del progetto sta tutta in una semplicissima considerazione: per determinare il futuro occorre educare il presente», così Alessandro Tartaglia, a fine 2015, mi aveva spiegato l’essenza del progetto la Scuola Open Source, un’iniziativa che all’epoca sembrava pura utopia ma che oggi è una bella realtà dove la didattica si intreccia con la ricerca, dove lo spirito pirata pervade ogni angolino, fisico e mentale, dove le parole chiave sono condivisionecontaminazioneetica hackeropen source, concetti che nella società in cui viviamo appaiono anno dopo anno sempre più “sovversivi”.

Aperta a inizio 2017, la SOS è da poco entrata nel secondo anno di attività e proprio in questi giorni sta presentando il nuovo programma didattico.
Ho quindi chiesto ad Alessandro, che è tra i fondatori, di fare il punto della situazione e raccontare le novità.

* * *

L’ultima volta che qui su Frizzifrizzi si è parlato di voi è stato più di due anni fa, quando cercavate di vincere il bando CheFare. Poi l’avete vinto, la Scuola Open Source è nata e da allora va a pieno regime. Mi vuoi parlare di questi ultimi due anni?

Ciao Simone, innanzitutto ti ringrazio per l’opportunità di fare due chiacchiere (anche se, ripensando a quanto tempo è trascorso da quando FF3300 era un magazine e tu facevi Freshcut, mi sento vecchio).
Veniamo a SOS: la scuola ha aperto ufficialmente il 22 novembre 2016, ed ha iniziato le attività nel gennaio 2017. Da allora abbiamo svolto più di 20 corsi, che hanno coinvolto circa 300 studenti. Di questi almeno il 33% (ma in alcuni casi anche il 50%) è giunta in Puglia da altre regioni.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Street Art o Arte Pubblica? Dal vandalismo alla valorizzazione dell’arte negli spazi pubblici

13 Novembre 2019

Per avere innovazione sociale bisogna trasformare la pratica in politica

8 Novembre 2019

Nuove fratture nella contemporaneità: perché la crisi è ambientale, fiscale e migratoria

21 Ottobre 2019