Almanacco > Dal web
16 Marzo 2016

Smart City all’italiana

La prima difficoltà in cui ci si imbatte nella comprensione delle smart city è capire cosa siano. La città intelligente in fondo non presenta complicazioni diverse da quelle che si incontrano con le persone brillanti: se le conosci non puoi farne a meno, ma occorre un manuale di istruzioni per avvicinarle.

Da oltre un anno la Direzione generale per le politiche interne Parlamento Europeo ha compilato uno studio che fornisce informazioni e disposizioni sulle smart city del continente. Il report si propone di mappare e di sondare le dichiarazioni più autorevoli sul fenomeno, prima di passare al versante prescrittivo del documento. Non sarà un manuale di istruzioni, ma poco ci manca.

Anche il comitato scientifico europeo comincia da una richiesta di definizione, e si scontra con la varietà delle opinioni sul tema. I punti fermi però non mancano, e insistono in particolare sulla progettualità urbanistica, sulla raccolta e l’elaborazione di informazioni collegate ai piani in sviluppo, sull’infrastruttura tecnologica che permette di collegare conoscenze ad attività di realizzazione. La sintesi raggiunta in sede comunitaria si incardina su tre principi: il ricorso a piattaforme digitali, la formazione di partnership che coinvolgano diversi soggetti dell’economia e della società civile, lo sviluppo di servizi utili alla comunità. L’ordine previsto è rovesciato rispetto a quello della mia esposizione: correttamente, vengono elencati prima i requisiti di benessere pubblico, poi le infrastrutture tecnologiche, infine il contesto delle relazioni istituzionali. Come esige la razionalità, prima ci si interroga sugli obiettivi, poi si scelgono i mezzi.

Secondo il documento UE, l’Italia rappresenta un campione ideale per svelare i misteri della nozione di Smart City: se arrivate a pagina 40, potrete strofinarvi gli occhi a piacimento, ma il monitor continuerà a riproporvi il dato che oltre il 70% delle nostre città sopra i centomila abitanti è smart. Siamo leader dell’innovazione in Europa, insieme ai paesi scandinavi, all’Austria, alla Slovenia e all’Estonia. Siamo più brillanti degli inglesi, e terribilmente più inventivi dei tedeschi e dei francesi: i primi della classe non riescono a rimanere nella scia di quello che si fa a Milano, Bari e Torino. Sbalorditivo.

Vale la pena allora dedicare un po’ di tempo alla ricognizione di un portale tematico dell’Anci sui progetti smart city attivi nel nostro Paese. Le iniziative sono 1309, coinvolgono 158 comuni, impegnati in otto macro-gruppi tematici: amministrazione, mobilità, economia, energia, ambiente, persone, stile di vita, pianificazione. La prima curiosità che andrebbe soddisfatta è la ragione per cui l’organismo di coordinamento dei comuni italiani abbia dovuto snocciolare la tassonomia dei lavori in corso in inglese. Un suggerimento potrebbe arrivare dal fatto che le etichette si sovrappongono quasi alla perfezione a quelle indicate dalla direttiva europea; rimane l’enigma della trasformazione della governance comunitaria in government (un retaggio del vecchio mito dell’e-government che piaceva tanto a Ross Perot?), e l’introduzione di altre due classi, energy e planning. Ma, per una volta che siamo più avanti delle richieste europee, perché farsi tutte queste domande?

Un secondo interrogativo, più serio, riguarda la nozione di open data che ispira la pubblicazione dei dati. L’unica forma di accesso ai contenuti è la visualizzazione dei box in html, che si caricano otto per volta sulle pagine del sito. Senza alcuna pretesa di web semantico, basterebbe poter scaricare i dati dei progetti almeno in un banale formato Excel o csv. Invece nulla: l’esplorazione è possibile solo per operatori umani, anche pazienti e ben motivati, che guardino le pagine del portale e le scorrano un pezzo per volta, iterando la richiesta di altri contenuti ogni otto box controllati. Una macchinosità davvero poco smart per chi è tanto progredito nella pianificazione di intere città intelligenti.

Forse sarà per questo che, sebbene i progetti coinvolgano una popolazione complessiva di oltre 15 milioni di italiani, per un investimento complessivo di quasi 4 miliardi di euro – gli utenti del sito a gennaio 2016 siano stati solo mille, almeno secondo le stime di un popolare strumento di monitoraggio come Similarweb. Ma ancora più curiosa è la situazione per cui oltre un quarto delle risorse finanziarie complessive finiscono per essere assorbite da una categoria di investimento che nel report europeo non compare nemmeno, l’arcano planning, popolato solo da 103 progetti, il 7,9% del totale. Di che tipo sono questi progetti al quadrato, questi piani di pianificazione?

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Rigenerazione urbana

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Architetti, sociologi e urbanisti: la comunità di Rigeneratori del master U-Rise

ritratto di brice coniglio, fondatore e ideatore di viadellafucina16

Che cos’è viadellafucina16

10 Luglio 2019

Abbiamo bisogno di un piano contro la desertificazione dei centri storici