Almanacco > Dal web
14 Aprile 2019

Guarda le foto del collettivo ‘Urban Reports’, il collettivo di architetti-fotografi che esplora le aree interne in tutta Italia

Riportiamo l’introduzione di Isplora alla loro intervista al gruppo Urban Reports, collettivo internazionale di fotografi che raccontano il paesaggio e l’architettura attraverso reportage su scala urbana e territoriale, in mostra al Padiglione Italia della Biennale di Venezia con un lavoro fotografico sulle aree interne.

Per leggere tutta l’intervista clicca su ‘Vai alla fonte’


Urban Reports è un collettivo internazionale di fotografi che raccontano il paesaggio e l’architettura, attraverso reportage su scala urbana e territoriale. Il gruppo, formato da fotografi-architetti, propone l’uso della fotografia come strumento per indagare ed esplorare i paesaggi contemporanei.

Il loro lavoro documenta le aree interne, i luoghi del conflitto latente quali sono i territori di confine, i bordi dello spazio urbano o al contrario le intromissioni delle infrastrutture all’interno degli spazi rurali e più in generale nel paesaggio. Reportage che hanno l’obiettivo di descrivere i luoghi in maniera apparentemente oggettiva, facendo una cronaca quasi giornalistica del paesaggio europeo: dall’Italia alla Spagna, fino all’Olanda. Osservando gli scatti del collettivo di Urban Reports sembra di tornare indietro di 40 anni, al grande lavoro documentaristico svolto dalla Mission photographique de la DATAR (Délégation interministérielle à l’aménagement du territoire et à l’attractivité régionale). Una missione voluta dal governo francese che vide impegnati dodici fotografi europei, tra cui Robert Doisneau, Gabriele Basilico e Alain Ceccaroli, nella “rappresentazione del paesaggio francese degli anni ‘80” dal 1983 al 1989.

Documentare, rappresentare e raccontare, come nel caso di Urban Reports, attraverso un laboratorio fotografico sul paesaggio quotidiano che sollecita diverse discipline: architettura, geografia, sociologia e urbanistica. Un approccio nuovo, anche per la formazione dei suoi fondatori tutti architetti-fotografi, che spesso non disdegna la poesia lieve tipica degli scatti di Luigi Ghirri e della sua lezione fotografica sul paesaggio italiano.

Un progetto di ricerca, uno strato interpretativo in più rispetto ai progetti di architettura proposti dal Padiglione Italiano, la contestualizzazione degli interventi e la fotografia per raccontare i territori in cui queste azioni si collocano.

Intervista a Urban Reports: come è nato il collettivo e quali i progetti in sviluppo

La redazione di Isplora ha avuto la possibilità di incontrare i fondatori di Urban Reports: Davide Curatola Soprana, Alessandro Guida, Isabella Sassi Farìas e Viviana Rubbo, e di scambiare alcune battute con loro che riportiamo qui di seguito.

Come è nato il collettivo di Urban Reports? Quali gli obiettivi e il metodo di lavoro?

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Rigenerazione urbana

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Quando l’innovazione sociale riprogetta l’azione del pubblico

23 Ottobre 2019

Architetti, sociologi e urbanisti: la comunità di Rigeneratori del master U-Rise

ritratto di brice coniglio, fondatore e ideatore di viadellafucina16

Che cos’è viadellafucina16

10 Luglio 2019