Due musicisti hanno generato ogni possibile melodia per eludere il copyright

Scarica come pdf

Scarica l'articolo in PDF.

Per scaricare l’articolo in PDF bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.


Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter.

image_pdfimage_print

Questo articolo è stato pubblicato originariamente su NME. Clicca il pulsante in basso per leggere il testo completo.

Due musicisti hanno scritto ogni possibile melodia MIDI esistente su un disco rigido, prima di mettere sotto copyright il loro lavoro e rilasciarlo al pubblico nel tentativo di impedire ai musicisti di essere citati in giudizio.

Il musicista, programmatore e avvocato specializzato in diritto d’autore, Damien Riel ha unito le forze con il collega programmatore Noah Rubin contro le azioni legali sul copyright, sostenendo la libertà creativa degli artisti che viene minacciata da queste dinamiche.

Come segnalato da diverse vicende, i casi di copyright per le melodie delle canzoni spesso pendono su artisti che sono accusati di copiare le melodie “inconsciamente”, sopratutto se è altamente probabile che abbiano sentito la canzone “originale”

Un famoso caso ha visto Sam Smith consegnare un credito di scrittura a Tom Petty dopo che gli eredi di quest’ultimo sostenevano che la ‘Stay Me’ di Smith suonava molto simile a quella di Petty, ‘I Won Back Down’.

 

Note

Clicca qui per leggere l’articolo completo