Almanacco > Inediti
29 Febbraio 2016

Il progetto, sostenuto da Fondazione Cariplo e Compagnia di San Paolo nell’ambito di Funder35, si sviluppa in collaborazione con Associazione Pier Lombardo, Teatro Franco Parenti di Milano, SAE Institute e cheFare con cui entra in contatto in occasione del primo bando.

Electropark Exchanges: ibridazioni tra generi musicali

Scarica l'inedito in PDF!

Per scaricare l’articolo in pdf bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.

Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter. Questa è la nostra informativa privacy

[recaptcha size:compact]

Ibridazione è il concetto chiave dei nostri anni. Siamo spettatori di un rapido annichilimento delle canoniche separazioni tra generi, questi ultimi inclusivi di uno spettro troppo ampio di possibilità per essere racchiusi sotto l’insegna di un unico concetto. In questo momento di sottile conflitto tra identità e ibridazione, l’associazione culturale Forevergreen.fm esplora un’ulteriore diramazione del progetto spostandosi anche a Milano con Electropark Exchanges. Presente già a Genova da quattro anni con Electropark Festival e con i vari appuntamenti di avvicinamento ad esso Electropart#, nel 2016 Forevergreen.fm si apre anche ad altre scene facendo capolino a Milano e all’Off Party a Barcellona.

Electropark Exchanges sposta l’attenzione da questa commistione tra generi come contesto in cui si svolge il progetto, rendendola protagonista al Teatro Franco Parenti di Milano, con una rassegna musicale a teatro ed una proposta di formazione tecnico/artistica su base triennale con una prima data il 6 aprile. Il progetto, sostenuto da Fondazione Cariplo e Compagnia di San Paolo nell’ambito di Funder35, si sviluppa in collaborazione con Associazione Pier Lombardo, Teatro Franco Parenti di Milano, SAE Institute e cheFare con cui entra in contatto già tre anni fa in occasione del primo bando.

Ibridazione è il concetto chiave di Electropark Exchanges, non solo in termini di proposta musicale, ma anche nel senso di incontri tra professionisti e giovani studenti nel contesto di SAE Institute. Le tre date in Teatro Franco Parenti verranno infatti supportate ed affiancate da un corso di Stage Management, finalizzato alla formazione di un team tecnico, che avrà la possibilità di mettere in pratica le nozioni apprese all’interno dei tre cicli di lezioni teoriche nelle fasi di valutazione, pre-produzione e produzione dei concerti.

Il fulcro del progetto vede la musica attrice invisibile sul palcoscenico, mossa dalle mani di alcuni tra gli artisti più rappresentativi in ambito musicale dagli anni Settanta ad oggi. La musica elettronica viene scarnificata dalla sua accezione legata al mondo notturno per tornare alle sue origini, come musique concrete, andando a fondersi con jazz, classica e post-rock per dar vita ad un ibrido sonoro, dove per ibrido si intende mistione estemporanea e non casualità.

Gli artisti proposti, pur provenendo da milieu musicali diversi, si esibiranno con collaborazioni non identificabili in un genere preciso quanto piuttosto con il totale stravolgimento del termine stesso, portando a Milano un vero e proprio spettacolo musicale, all’interno del quale sarà la musica elettronica a muoversi davanti agli occhi degli spettatori e non viceversa.

3 concerti d’avanguardia, 3 produzioni europee di spettacolo dal vivo, 3 collaborazioni di ricerca tra musicisti, produttori e giovani professionisti. Aprile, Maggio, Giugno: ogni primo mercoledì del mese.
#eexchanges

Link

Sito: http://www.electropark.it/exchanges/
Facebook: https://www.facebook.com/ElectroparkExchanges
Vimeo: https://vimeo.com/electroparkexchanges

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

discorso

Ecce Bombo 2.0

9 Agosto 2016
premio

Un premio per 500 progetti

Gordon Matta-Clark

Tubula rasa. Memorie del sottosuolo di Gordon Matta-Clark

20 Luglio 2018