Almanacco > Inediti
3 Maggio 2018

L’età dell’inadeguatezza: il burnout nel mondo della ricerca

Scarica l'inedito in PDF!

Per scaricare l’articolo in pdf bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.

Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter. Questa è la nostra informativa privacy

[recaptcha size:compact]

Per aumentare le proprie possibilità di impatto, i docenti sono incentivati all’uso di piattaforme digitali come Academia.edu, Linkedin, Googlescholar, University e-repositories, SlideShare, Content aggregator tools, attraverso le quali aumentare le proprie interazioni quotidiane e l’impatto della propria ricerca.

Il soggetto quantificato dell’accademia – quello che Lupton definisce «academic quantified self» è incoraggiato, o meglio indotto a raccogliere continuamente dati sulle proprie attività di ricerca e didattica e a servirsi dell’analisi degli stessi per migliorare la propria performance.

Al minimo, il ricercatore è rapidamente preda della sindrome del publish or perish, una sindrome contraddistinta da pensieri ossessivi e alte aspettative, l’ansia di pubblicare e notti insonni. Non solo, ma la continua dataveillance induce ad aumentare continuamente la mole di lavoro. Dalla quantificazione delle citazioni permessa da Google Scholar alla valutazione della didattica prodotta dagli studenti, sino agli esercizi nazionali di valutazione, tutte queste metriche trasformano l’accademico in un manager di se stesso la cui performance deve essere costantemente monitorata e implementata.

Il ricorso al self- branding e all’autopromozione, come ingredienti fondamentali dell’impatto accademico, pervadono il mondo della ricerca di un profondo conflitto etico su quali siano le prime finalità della ricerca contemporanea, inducendo talvolta a una lacerazione intima circa la priorità giusta da seguire tra le esigenze della governance e i valori individuali.

Come al solito incisivamente, Mark Fisher ha usato una volta la parola sidetracked per descrivere le conseguenze di tutto questo. L’accademia contemporanea, diceva parlando di sé, induce a essere continuamente sidetracked – deviati da ciò desideriamo fare a ciò che siamo costretti a fare. Tale tendenza lacera l’individuo costringendolo continuamente a deviare da ciò che è percepito come importante per espletare tutte quelle esigenze istituzionali previste dalla governance digitale.

La parola chiave per questo processo è dislocation – lacerazione. Jonathan Malesic riprende questo termine in un recente articolo pubblicato sul Times of Higher Education e intitolato emblematicamente The 40-Year-Old Burnout. Why I gave up tenure for a yet-to-be- determined career – una delle tante lettere d’addio all’accademia pubblicate negli ultimi anni.

Malesic a sua volta riprende la parola dislocation da Christina Maslach, una psicologa di Berkeley che per molti anni ha studiato il burnout occupazionale. In The truth about burnout, Maslach e Michael P. Leiter affermano che il burnout è precisamente «l’indice della lacerazione tra ciò che le persone sono e ciò che devono fare».

La carriera accademica è esposta al burnout in modo privilegiato, in quanto la valutazione dell’output accademico avviene spesso secondo criteri diversi rispetto alle priorità di chi effettua l’input. «Quando questa lacerazione diventa cronica», scrive Malesic, «emergono le tre caratteristiche principali del burnout: esaurimento, cinismo e inefficacia professionale».

Non sorprendono, dunque, i dati allarmanti riportati all’inizio sull’aumento del burnout nell’ambiente della ricerca. Non basta, infatti, considerare il conflitto di finalità che definisce l’accademia contemporanea. Molto spesso, l’individuo tenta di sopperire alla distanza tra ciò che percepisce come necessario e ciò che deve fare caricandosi di moli supplementari di lavoro.

Se aggiungiamo a tutto questo la precarietà economica e materiale che dominano il mondo della ricerca, l’accademia contemporanea si presenta rapidamente come una delle più grandi fabbriche di malattia presenti nella società. Gill ha parlato delle «ferite nascoste dell’accademia neoliberale» («the hidden injuries of neoliberal academia») a descrivere la pressione crescente e il continuo restringersi degli spazi di autonomia.

Vi è da dire che più passa il tempo e meno queste ferite sono nascoste, ma riconosciute come problematiche dentro e fuori l’università. La lacerazione tra lo stress organizzativo e i valori personali produce conflitti etici particolarmente severi nei quei soggetti più motivati da un senso di giustizia sociale. In alcuni casi, tale divergenza diviene insostenibile – a questa tendenza può essere ricondotto il numero crescente di lettere di dimissioni dall’università.

L’accademia malata

I dati sulle conseguenze di tutto questo negli ultimi anni abbondano. Sono molte le ricerche e le conferenze che ribadiscono l’esistenza di una ver a e propria crisi della salute mentale nell’università contemporanea.

Sino ad ora, per l’appunto, non abbiamo toccato alcuni temi fondamentali, la precarietà e il debito studentesco, a indicare che l’attuale management della didattica e della ricerca è problematico prima ancora di arrivare a considerare le condizioni materiali nelle quali esso avviene.

Per ora ci siamo limitati a soffermare l’attenzione sui benchmark di eccellenza dell’accademia digitale e sulle problematiche che questa pone anzitutto in termini di obiettivi e di finalità.

La tendenza a catalogare, ordinare e schedare il capitale umano, attraverso un processo di valutazione fondato sul monitoraggio costante della performance individuale, si fonda su un’interpretazione del sapere in ultima analisi forgiata sulla supply economics, cornice interpretativa in base alla quale lo scopo del sapere è diventare un input per il mercato.

L’accademico digitale, dicevamo, è spesso indotto a un disagio etico in questo ordine di priorità, diviso tra le esigenze della governance e i valori individuali. In questo contesto, sono stati molti gli studi in questi anni a evidenziare le conseguenze che tutto questo ha sulla salute nell’accademia contemporanea.

Possiamo partire dagli studenti, perché la American College Health Association conduce ogni anno una inchiesta sulla salute mentale degli studenti. I dati che pubblica si riferiscono agli studenti americani, tra i quali negli ultimi quindici anni si rilevano dati sempre più allarmanti.

Nel 2015, per esempio, la American College Health Association Survey ha rivelato che il 20% degli studenti hanno ricevuto una diagnosi di depressione nel corso della propria vita, mentre rispettivamente il 13% e il 16% degli studenti aveva seguito un trattamento per depressione e per ansietà nei 12 mesi precedenti. Il 7% degli studenti ha attacchi di panico, mentre, sempre negli ultimi 12 mesi, l’86% ha dichiarato di essere sovraccarico, emotivamente esausto (82%), molto triste (64%), molto solo (59%), sovraccarico d’ansia (57%), senza speranza (48%), e pieno di rabbia (38%). Circa un terzo degli studenti (35%) ha dichiarato di sentirsi così depresso che era impossibile funzionare. Il 54% ha riportato uno stress fuori dalla norma.

Questi risultati, confermati dal report del Provost’s Committee on Student Mental Health, non sono isolati. Sempre nel 2015, l’inchiesta della Healthy Minds Study amministrata a 16 mila studenti ha verificato che circa il 35% di questi rispecchia di avere almeno un criterio di disordine mentale mentre sempre negli ultimi 12 mesi il 20% degli studenti aveva sintomi di una depressione media e il 12% aveva sintomi di una depressione pesante.

Secondo Richard Kadison, capo dell’unità di salute mentale nei servizi sanitari della Harvard University, la crisi di salute mentale nelle università è stata influenzata dal crescente peso economico associato all’istruzione secondaria, dell’eccessivo coinvolgimento in attività extracurricolari e dall’eccessiva attenzione sui risultati accademici.

In termini longitudinali, il rapporto suggerisce addirittura che lo studente medio nel 2000 avesse lo stesso livello di ansia detenuto dal paziente psichiatrico medio nel 1950. Se questi dati riguardano gli Stati Uniti, dove il monitoraggio digitale si sposa agli elevati costi dell’istruzione universitaria, rendendo ovviamente più vulnerabili alla paura del fallimento, un aumento del 28% netto nel ricorso ai servizi di salute mentale è stato riscontrato nel Regno Unito, dove la diffusione di paura economica, ansia e depressione ha seguito a ruota come un orologio svizzero l’aumento delle tasse universitarie a 9.000 sterline.

Secondo Stephen Buckley i costi universitari, il debito, il mercato occupazionale e la paura di non farcela sono tutti fattori determinanti per spiegare ansia e depressione. La relazione tra la depressione, la percezione di inadeguatezza e la competizione neo-liberale torna qui a rendersi manifesta, come scriveva Mark Fisher, in un’interpretazione che ancora una volta allontana le origini della depressione da un trauma familiare o da uno squilibrio chimico per tornare a evidenziare un contesto sociale problematico nel quale il singolo individuo si trova dalla parte sbagliata del potere sociale.

Shelly Asquith, vice presidente della National Union of Students (NUS), un sindacato studentesco inglese, mette in evidenza come «l’allontanamento dell’istruzione dai valori sociali e il suo avvicinamento al value for money con un’enfasi sulla competizione uno contro l’altro degli studenti ha causato isolamento, stress e ansia. Ha anche obbligato le istituzioni a competere l’una contro l’altra e a finanziare più generosamente la pubblicità rispetto ai servizi per gli studenti».

Nel frattempo, «l’evidenza è chiara. La marketisation of education ha un enorme impatto sulla salute mentale degli studenti. Se questo non fosse già sufficientemente preoccupante, basti accennare che i dati più preoccupanti riguardano studenti di dottorato. L’inchiesta di Levecque et al., evidenzia come lo stress e il disagio stiano crescendo insieme all’aumento dell’insicurezza sul lavoro, all’aumento del carico di lavoro, all’aumento dell’intensità del lavoro, all’aumento nello squilibrio tra domanda e offerta di lavoro, all’aumento dei tagli, della competizione accademica e alla crescita di contratti precari.

Per tutte queste ragioni, riporta lo studio, i dottorandi riportano testimonianze di depressione e ansia, burnout e esaurimento emotivo. In questo caso, i risultati parlavano di un rischio di disordine psichiatrico per un terzo degli studenti di dottorato e di un rischio di depressione per uno studente su due, in un campione di circa 3659 studenti di dottorato in Belgio. Secondo Nathan Vanderford, che si occupa di salute mentale tra studenti di dottorato all’University of Kentucky in Lexington, questo studio mette in evidenza la relazione chiara che esiste tra salute mentale e organizzazione del lavoro accademico, una relazione che non può più essere ignorata.

Sabotare il valutatore

La domanda spontanea è, ma vale la pena di turbare così tanto la salute del luogo di lavoro attraverso una governance organizzativa così profondamente inabilitante? Ragionando esclusivamente sul monitoraggio continuo della performance, al netto di considerazioni sull’entità dei finanziamenti e le possibilità di carriera, gli studiosi di politica scientifica hanno evidenziato negli scorsi anni come l’analisi dei costi e benefici della valutazione della ricerca universitaria sia un tema pieno di non linearità, che mal si presta a una giudizio univoco.

Essa richiede, infatti, di verificare quali siano le conseguenze di questo processo verificandone l’impatto sulla scienza e sulla società, oltre a chiedersi se i costi monetari di tale monitoraggio superino o meno il risparmio che questi consentono.
In Italia, la persona che più seriamente si è occupata di questo tema principalmente in relazione l’esercizio di valutazione nazionale è Baccini, che negli ultimi anni si è speso enormemente per offrire gli strumenti critici necessari per «valutare il valutatore», oltre che i valutati.

In un recente scritto, Baccini osservava come il senso comune dia per scontato che la valutazione della performance sia necessaria in quanto consente di «distribuire in modo meritocratico il finanziamento premiale alle università».

Nella sua analisi, tale affermazione viene problematizzata in base a una serie di argomentazioni che vale la pena leggere nel dettaglio, e che hanno a che fare tanto con il calcolo dei costi quanto con l’analisi stessa dei benefici della valutazione, quando esistenti.

Tutto considerato, i costi, scrive Baccini, sono a tal punto onerosi che il criterio value for money non sembra certamente «il miglior parametro per far avanzare la scienza e la cultura».

Negli ultimi anni, diverse analisi hanno messo in evidenza le conseguenze potenzialmente nocive dell’università neoliberale.

In Publish or perish, but at what cost?, Ushma S. Neill evidenziava come la pressione a produrre un output di ricerca voluminoso non solo metta potenzialmente a rischio la salute del personale accademico ma renda la ricerca vulnerabile a pratiche fraudolente come plagio e auto-plagio, il ricorso a ghost-writers e la falsificazione dei risultati.

Nel 2011, D. N. Arnold e K. K. Fowler parlavano di «numeri malvagi» per descrivere i trucchi utilizzati dalla comunità scientifica internazionale per scalare le classifiche della bibliometria. Nel momento in cui le metriche si trasformano in obiettivi, la scienza si trova immediatamente esposta a comportamenti opportunistici, come la nascita di «allegre brigate di entusiasti reciproci citanti» di cui scriveva Alessandro Figà- Talamanca.

Prima ancora di arrivare alle dimensioni affettive della valutazione, è forse tempo di riconoscere che «abbiamo adottato un modello di cui non sappiamo documentare i benefici, ma che è molto costoso», scrive Baccini, e che di certo «fornisce un grande servizio alla politica, che può mascherare scelte discrezionali di riduzione e distribuzione selettiva delle risorse con la retorica tecnocratica dell’“oggettività dei numeri”».

La minaccia dell’espulsione sottesa alla dataveillance in tutte le sue forme si rende visibile precisamente nel momento in cui ne consideriamo gli esiti, ben più che le intenzioni dichiarate, a mostrare una tendenza verso il ridimensionamento del sistema che parla assai più di impoverimento sociale che di eccellenza.

Visti da questa prospettiva, gli effetti della valutazione in Italia paiono inverare la profezia di De Cecco che già nel 1998 evidenziava come il comparto universitario in Italia fosse destinato a essere ridimensionato. L’Italia, infatti, era, secondo la sua descrizione, già allora «rassegnata a sacrificare i propri residui centri organizzativi della produzione, integrando con grande successo la propria industria con quella tedesca, come fornitrice di parti e componenti», in una soluzione sciagurata nella quale il Sud e il Centro sembravano divenire «un enorme parco turistico per le vacanze dei cittadini della Mitteleuropa».

In un’ottica neoclassica, l’assenza di un mercato rendeva sostanzialmente inutile l’università. Per dirlo con le sue parole:
il settore per il quale è quasi obbligatorio prevedere un impoverimento definitivo è quello dell’istruzione universitaria. Tutte le mansioni offerte nella riorganizzazione delle attività produttive e dei servizi a livello europeo e globale richiedono limitati livelli educativi. L’emigrazione della gran parte delle attività di alta organizzazione e di ricerca, il rarefarsi definito della grande industria hanno la conseguenza obbligata della decadenza dei livelli della ricerca e quindi anche dell’istruzione universitaria. Le università italiane, ancor più di oggi, saranno quindi declassate a istituzioni di selezione di giovani intelligenti da inviare presso centri di educazione e ricerca stranieri (p. 43).

Queste parole preveggenti, che Marcello De Cecco scriveva nel 1998, nascevano da un ragionamento che aveva due capisaldi: primo, la consapevolezza che gli accordi di Maastricht avrebbero avuto come conseguenza la crescita degli squilibri intra-europei e la deindustrializzazione italiana.

Secondo, la tragica consapevolezza che, dentro un ordine del discorso definito dalla supply economics, la marginalità produttiva dell’Italia nel contesto internazionale avrebbe implicato l’inutilità dell’istruzione tout court, poiché questa viene intesa, sempre in questo paradigma, sempre e solo come serva del mercato.

Dato il privilegio di operare verifiche postume, possiamo dire oggi che nei soli ultimi sette anni, l’Italia ha espulso il 93% dei dottorati dalle università; ha ridotto il corpo docente strutturato del 15% (da 63 mila a 52 mila); ha visto una riduzione del numero degli studenti immatricolati del 20% (65mila in meno in un decennio), ha visto una riduzione del personale tecnico amministrativo da 72mila a 59mila, un taglio dei corsi di studio da 5.634 a 4.628 e una riduzione del Fondo di Finanziamento Ordinario del 22,5% in termini reali, tutti dati documentati dall’ottimo rapporto di Viesti.

Detto che questo ridimensionamento drammatico è avvenuto nella più completa indifferenza del corpo docente, che ha rivendicato per sé gli scatti salariali senza spesso nemmeno rendersi conto di quale tragico progetto fosse stato messo in atto, attraverso l’università, nell’intero paese, è evidente che quando parliamo di ridimensionamento parliamo di questo: della trasformazione dell’università in un privilegio di pochi, com’era normale prima dell’introduzione del suffragio universale, in un progetto destinato a concludersi con l’espulsione di troppi giovani dal mondo del sapere e con la condanna della penisola a essere un luogo assai marginale, nella sfera produttiva internazionale.

Perché tutti sono capaci di ripetere la parola mercato, come di per sé portasse benessere, ma senza un’istruzione pubblica nutrita da borse di studio per tutti i privi di mezzi, un reclutamento robusto con tutele e possibilità di avanzamento di carriera, una governance democratica e finanziamenti generosi, l’Italia, ha ragione De Cecco, ha un futuro solo come enorme parco turistico per le vacanze della Mitteleuropa.

In questo contesto, il problema non è solo l’opinabile scelta politica di attuare un ridimensionamento drastico e violento come quello avvenuto in Italia negli ultimi dieci anni – forse il più violento per numero di espulsioni di giovani ricercatrici e ricercatori imposto a una nazione occidentale.

Il problema è che tale ridimensionamento venga scambiato con una corsa all’eccellenza, fermata esclusivamente dalla presenza di pochi incapaci in gara. È evidente che le eccellenze ci saranno, da qualche parte, ma giunge il momento in cui dobbiamo chiederci se il nostro primo problema sia il desino di pochi singoli, che è lecito considerare assai poco interessanti, o il futuro complessivo della società.

In questo contesto, aveva ragione Mark Fisher quando scriveva che l’austerità si serve della depressione sociale per essere legittimata, perché, come abbiamo visto, questo processo contorto lascia nei corpi degli espulsi cicatrici di malessere e di fallimento. Bisogna, in questo senso, fare uno sforzo per riconoscere dietro il senso di colpa e l’inadeguatezza di chi viene continuamente respinto una politica non neutrale il cui fine è espellere dall’istruzione terziaria e dalla ricerca tutti coloro che impediscono l’attuazione di un processo politico regressivo per la società.

Forse è venuto il tempo di ripensare collettivamente le finalità della produzione intellettuale e del monitoraggio digitale, perché più che un risparmio che consente di distribuire in modo «meritocratico» il finanziamento premiale delle università, questi principi paiono riflettere un progetto di ridimensionamento che dovrebbe risvegliare oramai la nostra indignazione collettiva, ben più che l’inadeguatezza dei più sensibili.


Terza parte di tre (qui la prima, qui la seconda) di un articolo originariamente pubblicato nella Rivista Trimestrale di Scienza dell’Amministrazione, nel numero speciale “La ‘Grande Trasformazione’ dell’Università” (1/2018) a cura di Davide Borrelli e Marualuisa Stazio accessibile a questo link: http://www.rtsa.eu

Immagine di copertina: ph. Oscar Keys da Unsplash

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Cagnazzi, Chiaramonte, neurosostenibilità

La neurosostenibilità si ottiene ritrovando il corpo e lasciando libera la mente

12 Luglio 2019

Sette domande sull’apocalisse del lavoro culturale: Tiziano Bonini e Maria Elena Colombo

7 Maggio 2019
silicon valley rivolta ciccarelli tensorflow cheFare

La rivolta nella Silicon Valley: quando i tech worker hanno compreso di essere lavoratori e cittadini del mondo

29 Aprile 2019