Almanacco > Inediti
4 Novembre 2018

Rosetta non è un genere. Dal femminismo all’Utopia Queer alla Libreria Verso

Scarica l'inedito in PDF!

Per scaricare l’articolo in pdf bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.

Letta l'informativa*, dichiaro di averne compreso il contenuto e acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità ivi indicate.

Martedì 6 novembre 2018 alle h. 19.00 Carlotta Cossutta, Elisa Cuter, Sebastiano Mauri, Veronica Raimo parleranno di genere/gender con Valeria Verdolini alla libreria Verso in Corso di porta Ticinese 40.
Rosetta non è un genere è il 5° appuntamento del 2018 con il ciclo di incontri Rosetta di Casa della Cultura e cheFare


In molti sostengono che il movimento femminista sia stato il maggior movimento politico del secolo scorso. In meno di cento anni, si è passati dalla mancanza di suffragio universale al riconoscimento formale della parità, del divorzio, alla depenalizzazione dell’aborto, alla maternità come diritto sociale. Il movimento si è ibridato con altre forme di protesta: dall’approccio intersezionale che interseca il genere con altre variabili (come la provenienza culturale o la discendenza) alle connessioni con il movimento LGBTQI, a tal punto che nel 2004 Judith Butler, provocatoriamente, cerca di decretare la disfatta del genere stesso, aprendo alla riflessione sul queer. L’inizio degli anni dieci ha visto queste conquiste messe in discussioni sotto più fronti: l’attacco dei c.d. movimenti cattolici alla fantomatica “teoria gender”; le vicende di denuncia esplicita delle molestie sessuali sul luogo di lavoro e la campagna #metoo, fino alla recente diatriba scatenata dal DDL Pillon richiedono una riflessione e un tentativo di ridefinizione del genere, dei significati, delle sfide e delle difficili prassi da mettere in pratica. In queste trasformazioni, cosa è cambiato? Quanto ci siamo avvicinati o allontanati dall’utopia queer?

chefare rosetta verso casa della cultura

 

Abbiamo immaginato di riflettere assieme alle voci della generazione “post” sia dal punto di vista anagrafico che di proposta culturale, e vorremmo connettere il piano politico agli immaginari e alle rappresentazioni.

Per questo abbiamo invitato Carlotta Cossutta, ricercatrice (precaria) in filosofia politica all’Università del Piemonte Orientale e attivista (tra le varie esperienze, richiamiamo qui Non una di Meno). Con Carlotta cercheremo di indagare le categorie analitiche e le declinazioni politiche del tema.  Eisa Cuter è critica cinematografica. Consulente alla direzione del Carbonia Film Festival, collabora con il Lovers Film Festival e scrive per varie riviste, tra cui Filmidee, Nocturno e Doppiozero. Elisa ci accompagnerà in una riflessione sulle visioni e sulle rappresentazioni, e sulle pieghe  e sfumature che il linguaggio cinematografico ha offerto sul tema. Sebastiano Mauri è un artista a tutto tondo, ha scritto per il teatro, romanzi e diretto due film. Favola, il suo ultimo lavoro, costruisce una voce di riconoscimento e identità attraverso il grottesco e il surrealismo. A lui chiederemo di riflettere sui linguaggi da una prospettiva di genere che non sia solo costruita a partire da una rivendicazione sul femminile. Veronica Raimo è  è una scrittrice, traduttrice e sceneggiatrice italiana. Con Veronica cercheremo di decostruire il linguaggio e il genere attraverso il lavoro di traduzione.

 

Per conoscere meglio gli ospiti di Rosetta non è un genere

Carlotta Cossutta
Cossutta, C., Greco, V., Mainardi, A., Voli, S. Smagliature digitali. Corpi, generi, tecnologie (Agenzia X Edizioni, Milano 2018),

https://operavivamagazine.org/cambiare-il-mondo/

http://effimera.org/veder-scorrere-sangue-carlotta-cossutta/

http://effimera.org/margini-non-confini-carlotta-cossutta-valentina-greco-arianna-mainardi-stefania-voli/

http://effimera.org/disobbedire-godendo-prendersi-tempo-carlotta-cossutta/

http://effimera.org/manifestazione-rabbia-erotica/

 

Elisa Cuter

http://www.filmidee.it/2017/03/un-materialismo-della-critica-cinematografica/

https://www.iltascabile.com/linguaggi/love-you-daddy/

https://not.neroeditions.com/ciao-maschio/

https://not.neroeditions.com/ripensare-metoo/

 

Sebastiano Mauri

Libri:

Mauri, S. Goditi il problema, Rizzoli, Milano, 2012

Mauri, S. Il giorno più felice della mia vita, Rizzoli, Milano 2015

Film:

Favola, 2017

Icaros: a vision, 2016

https://www.youtube.com/watch?v=05gqeoX7j08

https://www.sentieriselvaggi.it/favola-di-sebastiano-mauri/

https://www.youtube.com/watch?v=s5KuAP-KcJg

 

Veronica Raimo

Raimo, V. Miden, Mondadori, Milano, 2018

Raimo, V. Tutte le feste di domani, Rizzoli, Milano, 2013.

Raimo, V. Il dolore secondo Matteo, Minimum Fax, Roma, 2007

AA.VV. (a cura di Ann e Jeff VanderMeer), LE VISIONARIE, Nero Edizioni, 2018

https://not.neroeditions.com/durastanti-raimo-visionarie-vandermeer/

http://www.minimaetmoralia.it/wp/bruciare-tutto-walter-siti/

 

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

‘La salvezza del bello’: perché il bello digitale è un piacere autoerotico privo di stupore

13 Marzo 2019

Chiamare le cose con il proprio nome: intervista a Luigi Ferrajoli

7 Marzo 2019

‘Censura subito!!!’, cosa c’è dentro il manifesto di Ian F. Svenonius

4 Marzo 2019