L’ideale che dobbiamo farci bastare, nel lavoro culturale italiano, è che ogni suo momento venga affrontato con lo spirito del compito in classe, soffrendo, sudando, non andando fuori tema

Il lavoro culturale? In Svezia faremmo un’altra vita