1

Storia naturale del nerd. Un omaggio a Gene Wilder, passando dal “suo” Frankenstein

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Pangea il pulsante in basso per leggere il testo completo.

Quante volte abbiamo visto il film spassosissimo intitolato Frankenstein Junior con il mitico Gene Wilder? Mentre contate colgo l’occasione per parlarvi di un libro letto non molto tempo fa – Storia naturale del nerd di Benjamin Nugent (Isbn Edizioni) – e in particolare per soffermarmi sul capitolo intitolato Contro gli scienziati nelle torri, che a mio avviso rappresenta il punto nevralgico (o uno dei punti) della tesi di Nugent sull’eziologia del nerdismo. E per farlo l’autore attinge a piene mani dalla letteratura gotico-fantascientifica e precisamente va a scomodare il noto “romanzo nero” Frankenstein, o il moderno Prometeo della scrittrice britannica Mary Shelley.

Secondo Nugent, Victor Frankenstein è un proto-nerd; e infatti scrive: “l’antieroe è uno scienziato genialoide che finisce per sottrarsi completamente all’affetto dei suoi cari… […] rappresentando così la sua sete di conoscenza come un surrogato di un più urgente bisogno virile [“penetrare” i segreti della natura, n.d.r.] Ma al contrario del desiderio amoroso, il desiderio di progresso scientifico finisce per corrompere lentamente il corpo. […] La bellezza e la salute, qualità importanti per un giovane uomo che vuol essere marito e padre, vengono sacrificate alle esigenze della scienza”.