Almanacco > Inediti
5 Luglio 2019

Stiamo creando un database europeo per combattere il gender gap nei media

Scarica l'inedito in PDF!

Per scaricare l’articolo in pdf bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.

Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter. Questa è la nostra informativa privacy

[recaptcha size:compact]

Quante volte, leggendo un articolo di giornale, vedete interpellata un’esperta donna? Non serve che ci pensiate troppo, il report Global Media Monitoring Project 2015 ha fatto il calcolo per noi: di fronte ad una notizia, i giornalisti interpellano un’esperta donna solo il 18% delle volte, lasciando nell’82% delle restanti notizie il racconto del mondo in mano agli uomini. Eppure, queste esperte ci sono e spesso sono anche più qualificate dei loro corrispettivi maschili interpellati.

È per questo motivo che nel 2016 l’associazione GiULiA (Giornaliste Unite Libere Autonome), in collaborazione con l’Osservatorio di Pavia e la Fondazione Bracco, ha inaugurato 100esperte, un database curato di donne esperte in diversi campi della conoscenza come le discipline S.T.E.M., l’economia e la politica internazionale, all’interno del quale raccogliere le esperte donne italiane e dare la possibilità a media e giornalisti di avere una risorsa sempre disponibile per entrare in contatto con rappresentanti donne di mondi che fino ad oggi sembrano essere esclusivo appannaggio di professori, ricercatori ed esperti uomini.

100esperte da 3 anni viaggia attraverso l’Italia raccontando le storie di donne qualificate ma sotto-rappresentate.

Ad oggi, il database di 100esperte elenca oltre 130 esperte del mondo STEM e oltre 60 esperte del mondo dell’economia — ogni voce presente nel database è stata inserita al netto di una serie di rigorosi criteri di selezione e, in 2 anni di lavoro, è stato rilevato un aumento dell’1.5% nelle interviste a donne nei giornali italiani e la presenza di oltre 400 nuove interviste (tra media, TV, radio, panel) a esperte donne realizzate grazie alla presenza di 100esperte. Inoltre, 100esperte ha pubblicato anche 2 libri, 100 donne contro gli stereotipi per la scienza e 100 donne contro gli stereotipi per l’economia: testimonianze di vita privata e professionale di esperte italiane ed internazionale nei rispettivi campi.

Un database europeo per combattere il gender gap nei media

In Italia, il lavoro svolto da 100esperte procede in maniera solida e punta ad ampliare il proprio raggio d’azione per quanto riguarda il tipo di discipline coperte e il numero di esperte indicizzate. Nel corso delle sue iniziative, il team di lavoro di 100esperte ha avuto modo di conoscere e incontrare altre organizzazioni europee impegnate in progetti molto simili su altri territori nazionali. Ed è proprio da queste premesse che, all’inizio di quest’anno, GiULiA ha iniziato una fase di progettazione pensata per estendere la portata del database su scala europea. Per farlo, GiULiA ha scelto cheFare come partner principale nello sviluppo e nel fundraising del progetto.

Insieme, abbiamo dato vita a una nuova idea: European Network for Women Excellence (ENWE) è un progetto di costruzione di reti, divulgazione e organizzazione di informazioni su scala europea che ambisce a unire gli sforzi di realtà internazionali simili a 100esperte per farli confluire in un database unificato accessibile da tutti.

L’idea c’è, ma il salto vero e proprio è arrivato poche settimane fa, quando lo European Network for Women Excellence è stato selezionato dalla Open Society Initiative for Europe della Open Society Foundations per un finanziamento nell’ambito della call ‘Expanding the Female Talent Pipeline in Europe‘. Come cheFare, da anni lavoriamo per sviluppare e supportare iniziative e progetti pensati per favorire pratiche di inclusione sociale e di condivisione delle conoscenze — l’opportunità che abbiamo avuto grazie alla fiducia che ci è stata data da GiULiA è importante, e la notizia della selezione dello European Network for Women Excellence per un finanziamento da parte di Open Society Foundations è cruciale per l’effettivo avviamento dei lavori.

Insieme a GiULiA, abbiamo già cominciato a lavorare ai primi elementi necessari all’architettura del network e, presto, racconteremo novità e sviluppi in cantiere per lo European Network for Women Excellence. Nel frattempo, le giornaliste di GiULiA sono state ospitate su Repubblica per un lungo articolo su 100esperte e i futuri sviluppi dello European Network for Women Excellence.


Foto di copertina: Juliana Malta su Unsplash

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Cosa è successo quando la sottocultura ultras ha incontrato la ‘Generazione X’

11 Febbraio 2019
comunità

Festival della lentezza: un lavoro di comunità

11 Maggio 2016
rigenerazione

La rigenerazione urbana come processo politico

2 Novembre 2017