1

La pandemia ha rivelato quanto odiamo i nostri lavori

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Time clicca il pulsante in basso per leggere il testo completo.

Fino a marzo 2020, Kari e Britt Altizer di Richmond, Va., investivano lunghe ore di lavoro, lei in vendita di assicurazioni sulla vita e lui come direttore di ristorante, per sostenere la loro giovane famiglia. Le loro vite erano frenetiche, i loro programmi controllati dal loro lavoro.

Poi l’arresto pandemico ha colpito, e loro, come milioni di altri, hanno trovato il loro mondo capovolto. Britt è stato velocemente messo in aspettativa. Kari, 31 anni, ha dovuto smettere di prendersi cura del proprio figlio neonato. Nativa del Perù, sperava di trovare un lavoro a distanza come traduttrice spagnola. Quando questo non ha funzionato, ha preso un lavoro di vendita part-time con un servizio di pulizia che le ha permesso di portare suo figlio in ufficio. Ma come il neonato è cresciuto in un bambino, la cosa non era più fattibile. Nel frattempo, il permesso ha spinto il marito, 30, a rivalutare la propria carriera. “Ho fatto una ricerca interiore. Durante il periodo in cui ero a casa, facevo giardinaggio e amavo davvero la vita”, dice Britt, che è cresciuta in una fattoria e ha studiato scienze ambientali al college. “Ho capito che lavorare all’aperto era qualcosa che dovevo tornare a fare.”