Cultura Digitale

Cultura digitale: come cambiano il nostro comportamento, le nostre possibilità e il lavoro mentre la tecnologia evolve a ritmo accelerato?

Sappiamo davvero usare Internet o ci lasciamo usare dalle piattaforme proprietarie come più o meno inconsapevoli produttori di dati e contenuti? Cosa significa Internet libero? Si possono usare i social media senza rimanere vittime di filter bubble, fake news, hate speech e delle scelte che gli algoritmi compiono per noi?

L’espressione ‘cultura digitale’ rimanda a un immaginario che si è evoluto anche a partire dal cyberpunk e di cui “A cyborg Manifesto” di Donna Haraway insieme, ad esempio, ai romanzi di Philip Dick, William Gibson e a una grande mole di film, fumetti e videogiochi anni’80 e ’90 possono essere considerati forme seminali.

Ma che rapporto c’è oggi tra arte e tecnologia digitale, sia dal punto di vista produttivo che espressivo, estetico ed economico? Cosa sono gli archivi digitali, e cosa può farsene un artista della possibilità di archiviare senza consumare spazio?

Come cambia la produzione culturale e di informazione quando per pubblicare una notizia o una recensione la mediazione di una testata tradizionale e di una redazione numerosa non è più necessaria? E come si trasforma, di conseguenza, la cultura?

Contributi

Inediti

L’audience engagement è autorappresentazione o militarizzazione della realtà?

14 Gennaio 2019

Come Netflix ci sta insegnando che il cinema non ha più bisogno del cinema

8 Gennaio 2019

Falliti di successo: il futuro dei nuovi media va costruito sugli errori

La formazione dei community hub

14 Dicembre 2018

Limiti e incertezze della democrazia digitale

30 Novembre 2018

Geografia delle piattaforme. L’impatto del digitale su individui, spazio e città

28 Novembre 2018