Lavoro culturale

I modi, le pratiche e i luoghi del lavoro culturale raccontati attraverso la molteplicità dei punti di vista degli autori di cheFare e una serie di segnalazioni dei più interessanti articoli da altre fonti.

Mentre tutti i settori della cultura – dall’editoria al cinema, dal giornalismo alla ricerca, dalle istituzioni museali alle biblioteche fino ai nuovi centri culturali indipendenti – attraversano trasformazioni profonde che riguardano i metodi di produzione e distribuzione, il rapporto con pubblico, linguaggio e territorio, e non ultime le fonti di finanziamento, anche la vita quotidiana di chi svolge il lavoro culturale si confronta con condizioni e pratiche nuove.

Sull’Almanacco di cheFare sono i protagonisti stessi del lavoro culturale a raccontarlo e spesso creano le condizioni per avviare un vero confronto.

Per restare sempre aggiornati iscrivetevi alla nostra pagina Facebook e alla newsletter di cheFare

 

Contributi

Inediti

Chi è il lavoratore passionale, la vittima e carnefice dell’industria creativa

14 Novembre 2019

La Pecora Elettrica: non c’è democrazia senza comportamenti democratici

7 Novembre 2019

L’editore dovrebbe saper perdere il proprio tempo

29 Ottobre 2019

L’edicola che non c’è: una nuova casa e un nuovo archivio per la controcultura a Milano

28 Ottobre 2019

Cosa significa fare il Festival of Italian Literature di Londra al tempo della Brexit

22 Ottobre 2019

Perché in Italia non esiste la democrazia culturale

15 Ottobre 2019