Lavoro culturale

I modi, le pratiche e i luoghi del lavoro culturale raccontati attraverso la molteplicità dei punti di vista degli autori di cheFare e una serie di segnalazioni dei più interessanti articoli da altre fonti.

Mentre tutti i settori della cultura – dall’editoria al cinema, dal giornalismo alla ricerca, dalle istituzioni museali alle biblioteche fino ai nuovi centri culturali indipendenti – attraversano trasformazioni profonde che riguardano i metodi di produzione e distribuzione, il rapporto con pubblico, linguaggio e territorio, e non ultime le fonti di finanziamento, anche la vita quotidiana di chi svolge il lavoro culturale si confronta con condizioni e pratiche nuove.

Sull’Almanacco di cheFare sono i protagonisti stessi del lavoro culturale a raccontarlo e spesso creano le condizioni per avviare un vero confronto.

Per restare sempre aggiornati iscrivetevi alla nostra pagina Facebook e alla newsletter di cheFare

 

Contributi

Inediti

Elisabetta Bianchi, neurosostenibilità

Illustrare il mondo per renderlo sostenibile: la neurosostenibilità vista con gli occhi di un’illustratrice

26 Giugno 2019
L'attrice Camilla Semino Favro

Sopravvivere al teatro: il bisogno di neurosostenibilità per gli attori

17 Giugno 2019

‘Ridere! E rideremo!’: il fascismo è un regime emotivo, ecco come organizza le emozioni

4 Giugno 2019

Abbiamo bisogno dell’arte per turbare l’immagine armoniosa del capitalismo

31 Maggio 2019

Bernardo Bertolucci: la nostalgia del presente che ti muore fra le mani

23 Maggio 2019
ippolita-nuovimodi-chefare-stramonio2

Che cos’è Ippolita

14 Maggio 2019