Almanacco > Inediti
27 Luglio 2018

POIS: un podcast tour per raccontare l’innovazione sociale e culturale italiana

Scarica l'inedito in PDF!

Per scaricare l’articolo in pdf bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.

Letta l'informativa*, dichiaro di averne compreso il contenuto e acconsento al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità ivi indicate.

Siamo partiti! Fiumi di parole e riflessioni scorrono attraverso il microfono di POIS, il podcast sull’innovazione sociale, un progetto nato da noi e sviluppato durante un laboratorio di co-progettazione il 26 Maggio 2018, presso La Dogana di Milano, con alcuni potenziali ascoltatori, podcaster, innovatori sociali e operatori del settore.

pois tour

POIS nasce dall’esigenza di raccontare in voce le esperienze di innovazione culturale e sociale che crescono sul territorio italiano, capirne le potenzialità, i bisogni e le caratteristiche, confrontarle e amplificare il lavoro quotidiano che innovatori sociali e culturali svolgono con le comunità locali.

Siamo così partiti da Milano per raccogliere alcune delle interviste che popoleranno la comunità di POIS. Stiamo raccogliendo voci, sorrisi e qualche delusione, macinando chilometri da Nord a Sud. Nel capoluogo lombardo abbiamo avuto il piacere di confrontarci con Sergio Galasso, progettista sociale, che per diversi anni ha curato lo sviluppo del progetto Mare Culturale Urbano a Milano e che ora, come ci ha spiegato durante l’intervista, si sta dedicando a Open Cinema in collaborazione con la compagnia di San Paolo. Durante la nostra conversazione, Sergio ha approfondito il ruolo che il cinema può ricoprire per lo sviluppo del capitale sociale nei contesti urbani periferici.

Nella seconda tappa del tour, Perugia, abbiamo avuto la possibilità di confrontare l’analisi progettuale e tecnica di Sergio con l’esperienza concreta di PostModernissimo, un piccolo gioiello di rigenerazione urbana nel cuore di Via della Viola, un tempo sede dell’attività artigiana perugina. Qui ci accolgono Ivan Frenguelli e Giacomo Caldarelli, due dei promotori dell’iniziativa, con cui capiamo come un cinema può diventare motore di rigenerazione di un borgo antico nonché come la produzione culturale di un cinema si concilia con il ruolo di aggregatore di comunità.

A Perugia, POIS raccoglie anche la voce di Luca Mikolajczak. Luca è tra i pionieri del progetto editoriale Emergenze; quest’ultimo genitore affettuoso della più famosa, fuori dai confini umbri, Edicola 518. Di Luca ci colpisce la sicurezza con cui ci racconta di Emergenze ed Edicola 518, spiegandoci difficoltà e successi di un progetto che promuove la bellezza e l’arte al di fuori delle stringenti logiche di mercato.

Perugia è stata anche il momento di un abbraccio con vecchi amici e la possibilità di ripensare il ruolo dell’innovazione civica in Italia. Infatti qui abbiamo anche partecipato all’Incontro Civico, un momento di riunione tra i membri italiani di CivicWise, una rete internazionale di innovatori civici, che lavorano sui territori per attivare e facilitare processi di sviluppo territoriale. Pratiche e progetti si sono intersecati di fronte al microfono di POIS. Il risultato è un potente raccoglitore del fermento italiano.

Dobbiamo lasciare il capoluogo umbro per fermare le ruote della nostra “POISmobile” a Terni, cittadina di più di centomila abitanti nel sud della regione del centro Italia che ha avuto un passato prevalentemente industriale e che ora cerca se stessa nella frenesia dell’economia della conoscenza. Qui, il CAOS (Centro Arti Opificio Siri) si è negli anni costruito il ruolo attivo di facilitatore del cambiamento. Questo ex-opificio è un’area di 5600 mq dove le pesanti macchine industriali hanno lasciato il posto alle arti visive e performative. È stato per noi gratificante confrontarci con Chiara Organtini, una delle responsabili del progetto, sulla complessità di uno spazio così grande in un contesto di non facile interpretazione. Chiara sembra aver maturato la giusta esperienza per spiegarci come è necessario riuscire a misurare il valore – per quanto intangibile – prodotto da centri di produzione culturale come il CAOS, per costruire delle politiche più efficienti.

Abbracciamo Chiara e ci promettiamo di rincontrarci presto. Lasciamo il CAOS alle spalle. Attraversiamo i paesaggi fiabeschi dell’Umbria per raggiungere la costa, il mare. Si viaggia verso Sud, verso Bari, dove ci aspettano il laboratorio XYZ della Scuola Open Source, Spazio 13, La Capagrossa e l’EX Fadda.


Le puntate di POIS – podcast sull’innovazione sociale saranno online a partire da ottobre su iTunes, Spreaker, Soundcloud e Spotify.

Segui il POIS tour su Instagram: https://www.instagram.com/poispodcast/
Unisciti al gruppo Facebook per suggerire tappe, intervistati, domande: https://www.facebook.com/groups/poispodcast/

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Questo articolo appartiene a:

Percorsi > Innovazione sociale

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Non è il voto ad essere democratico, ma il regime: Van Reybrouck è contro le elezioni o la democrazia?

19 Marzo 2019
BaumHaus-Anna-Romani-nuovimodi-chefare

Che cos’è BaumHaus

12 Marzo 2019
scuola-open-source-chefare-nuovimodi

Che cos’è La Scuola Open Source

5 Marzo 2019