Raccontare per trasformare. Il bando PRiNT

Scarica come pdf

Scarica l'articolo in PDF.

Per scaricare l’articolo in PDF bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.


Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter.

image_pdfimage_print

Il 2016 appena concluso ci ha lasciato uno stimolo interessante, un bando. Si tratta di “PRiNT. Raccontare per trasformare”, promosso dalla collana editoriale Newfabric dell’editore Pacini di Pisa.

Quest’ultima è una collana editoriale di recente istituzione da parte un editore toscano, che ha deciso di puntare sull’innovazione sociale e lo sviluppo del territorio come tema di ricerca e di sperimentazione. La serie di pubblicazioni ha lo scopo di ospitare non solo interventi di carattere tecnico teorico, ma anche le migliori esperienze che sul territorio nazionale si stanno producendo e che realizzano una mutazione nella comunità di riferimento. Mutazioni di sistema (o per usare un concetto caro a chi si occupa di questi argomenti, di ecosistema) o di relazione fra le persone che partecipano attivamente o da spettatori a queste esperienze.

Proprio per il forte carattere di ricerca/azione di questo esperimento editoriale e perché uno strumento di questo genere non può che alimentarsi se con la scoperta continua di singole esperienze, che tuttavia si riconoscono attorno a ragionamenti simili (e che da qualche tempo a questa parte sono raccolti e ulteriormente delineati attraverso il paradigma dell’innovazione aperta v. sul punto il recente I luoghi dell’innovazione aperta, Modelli di sviluppo territoriale e inclusione sociale, F. Montanari e L. Mizzau (a cura di) in I Quaderni della Fondazione G. Brodolini, 55/ 2016) che la collana Newfabric ha deciso di pubblicare un bando per la ricerca di queste esperienze sotto forma di racconti.

print

print

Il bando è rivolto a una vasta gamma di soggetti e coinvolge chi opera all’interno del terzo settore, dell’ente pubblico o degli istituti di ricerca, in forma singola o variamente associati (associazioni, cooperative, fondazioni, collettivi, consorzi o gruppi informali); insomma di tutti coloro che abbiano un’esperienza di rigenerazione urbana e che, a loro modo di vedere, abbia portato a una mutazione qualitativa in termini di impatto sociale, culturale o/e economico nell’ecosistema di riferimento e nelle relazioni in questo generate. Più che al racconto del progetto la collana è qui interessata al processo che accompagna la vita dell’esperienza oggetto del racconto: quali sono le reti generative di benessere diffuso? Dove si realizza l’incontro fra le necessità del mercato o i bisogni della comunità di riferimento e gli output generati? Quali sono le condizioni di contesto migliorative che sono state promosse? E così via.

La pubblicazione diventa in questo modo un’occasione per dieci storie, che raccontano a loro volta dieci territori e dieci comunità di riferimento, di mettersi assieme in una narrazione comune e di rappresentare un punto di avvio per una riflessione ulteriore rispetto a questi temi. Proprio perché si parla di innovazione, infatti, non ci si può concedere il lusso di stabilire in maniera definitiva dei concetti, ma bisogna procedere per confronto continuo e dialogo. Questa è la linea che si è data la collana e che questo bando vuole esprimere.

Per scaricare il bando qui

Note