Alce Nero, un’indagine sulle parole del biologico

I cambiamenti climatici ci stanno ponendo davanti ad un problema radicale e urgente: noi umani dobbiamo ripensare il nostro rapporto con praticamente qualunque aspetto della nostra vita. Questa rivoluzione riguarda il nostro modo di abitare il pianeta, di vivere insieme, di produrre beni e, sopratutto, di sostentarci. Mangiare è una delle attività più fondamentali delle giornate di chiunque e da anni il concetto di ‘biologico’ ci sta facendo consumare, acquistare e pensare il cibo in maniera diversa.

Alce Nero è un’azienda italiana che dal 1978 è pioniera dell’alimentazione biologica non solo sugli scaffali ma anche nel dibattito pubblico — per Alce Nero ‘biologico’ non è soltanto un marchio da apportare su un prodotto, ma un modo di pensare e di interpretare un’intera filiera di produzione fondamentale alla società moderna.

foto di Kai Pilger da Unsplash

Parlare di ‘biologico’ oggi, però, non significa soltanto cercare di raggiungere quanto più pubblico possibile, ma anche promuovere una conversazione reale e che non fa del ‘biologico’ solo un vessillo di forma. Le pratiche e i motivi del ‘biologico’, infatti, sono centrali in molti altri dibattiti sull’aspetto della nostra società e sul ruolo che ricopriamo nel pianeta e per Alce Nero è cruciale tracciare un chiaro filo conduttore tra l’alimentazione biologica e il nostro rapporto con la società e la cultura.

Quindi, che fare?

Alce Nero si è rivolta a cheFare per costruire insieme un percorso di articoli pensati per la piattaforma di Alce Nero in cui andare ad approfondire 4 parole fondamentali per il mondo del biologico.

4 INTERVISTE PER UNA NUOVA SEMANTICA
Scoprire i punti di contatti tra il biologico e la cultura significa andare a fondo nella scoperta delle parole che si utilizzano per parlare di questi temi. Risparmio, fertilità, paesaggio ed abitare sono i 4 termini analizzati durante il percorso da 4 esperte: Nicoletta Tranquillo, Eleonora Grilli, Maria Desiante e Rossella Muroni. Le parole sono snocciolate attraverso delle conversazioni guidate dagli autori di cheFare e poi tradotte in interviste pubblicate prima, in versione sintetica, sui canali di Alce Nero e poi, in versione integrale, su quelli di cheFare.

In tutto e per tutto un viaggio nelle Parole del Biologico, per dare nuova sostanza a una narrazione troppo spesso appiattita dalle necessità del marketing e che deve ottenere nuove prospettive grazie a un contributo culturale indispensabile. La prima parola esplorata è Fertilità.

Pensi che la tua organizzazione culturale abbia bisogno di qualcosa di questo tipo? Contattaci per email e parliamone.

Tutti i contenuti legati al progetto